Sovranismo o non sovranismo: è questo il problema? - Saturae
 
Vasto   Editoriali 02/07

Sovranismo o non sovranismo: è questo il problema?

Saturae

Se è vero che le parole esprimono un contenuto, è vero anche che è il contenuto a dare loro sostanza.
La questione non è affatto banale e risale almeno ai tempi di Socrate e dei Sofisti; tuttavia, senza tirare necessariamente in ballo costoro, è sempre buona costumanza chiedersi cosa significhi una certa parola, specialmente quando è “nuova”.

È il caso di “sovranismo”: sento (ab)usarla dappertutto, in radio, sui giornali, in TV e per lo più con connotazione negativa. Come dire che “sovranista” sia qualcuno contro i tempi, qualcuno che segua una pericolosa deriva culturale e politica che sia basata su “esclusione” e non su “inclusione”.

Quindi, giusto per dare una sintesi estrema, parrebbe che oggigiorno o si sia “europeisti” (e quindi, inclusivi, moderni, socialmente responsabili) o “sovranisti” (e perciò anti-sociali, oscurantisti, arroccati in posizioni di estrema difesa del proprio perimetro culturale).

Ma è davvero tutto qui?

Perché, se così fosse, mi domando come vada definito un Paese che respinga migranti a Ventimiglia, li faccia perfino scendere a forza dai treni e poi, nelle sedi ufficiali, lanci strali infuocati contro i “sovranisti”.

Mi domando come vada indicato un Paese che, agli albori della crisi del 2008, diede disposizioni alle proprio imprese di “comprare tedesco”, penalizzando così i fornitori esteri, ma che tiene sempre ben alta la guardia contro il “pericolo sovranista”.

Il vero nodo, temo, è molto più profondo di una semplice questione di terminologia formale.

Siamo membri di una unione che non è stata fondata su alcun valore comune, ma solo su convenienze economiche e opportunità di scambio commerciale.

Basti pensare che nelle Carte fondanti della Unione Europea non c’è nessun riferimento ai valori cristiani – cattolici o protestanti che siano – che vengono, però, farisaicamente invocati quando c’è da scegliere chi debba accogliere l’ennesimo barcone di disperati.

L’Europa è l’unica via: di questo non c’è alcun dubbio. Ma occorre che sia una Europa di valori e non di mercati: i primi, infatti, comportano obblighi – anche pesanti – per chiunque li riconosca; gli altri, invece, si basano solo su freddi calcoli di beneficio economico.

di Elio Bucciantonio

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi