Oltre 200 parcheggi in abbandono e senza sistema antincendio. Ora il Comune vuole disfarsene - A Vasto Marina l’occasione sprecata
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 28/06

Oltre 200 parcheggi in abbandono e senza sistema antincendio. Ora il Comune vuole disfarsene

A Vasto Marina l’occasione sprecata

L'ingresso al secondo piano sotterraneoChi lo comprerà dovrà sostenere anche le spese per farlo tornare agibile. Il parcheggio di via Martiri istriani a Vasto Marina si vende per 1.583.600 euro, ma non è agibile perché il sistema antincendio non c'è. I due piani sotterranei sono il pezzo grosso dell'asta che si terrà a luglio. Entrato nel patrimonio pubblico varie legislature fa grazie a un accordo tra pubblico e privato, ora il Comune vuole disfarsene perché produce solo costi che ricadono sulla collettività

INAGIBILITÀ - Gli ingressi per le auto sono chiusi, ma nei due piani sotto terra è possibile accedere dalle uscite di sicurezza e dagli ingressi condominiali (i locali destinati ai parcheggi, infatti, sono adiacenti alle cantine). 
Lo stato di abbandono ormai dura da circa 10 anni e i segni dell'assenza di manutenzione sono presto visibili: rifiuti di vario genere, diffuse infiltrazioni d'acqua (nel piano più basso ci sono addirittura le stalattiti che pendono dal soffitto) e melma proveniente dai frequenti allagamenti.

La situazione più critica è quella del sistema antincendio. Le manichette non ci sono più così come il sistema di pompaggio, probabilmente rubato diversi anni fa; il locale che le ospitava, accessibile da chiunque, è vuoto. Le tubature sono arrugginite, le porte tagliafuoco bloccate.

OCCASIONE SPRECATA - Gli ampi parcheggi (oltre 200 i posti auto) furono usati per un brevissimo periodo, meno di un anno. Dentro c'è ancora una colonnina per i tagliandi, reperto storico dell'occasione mancata. I parcheggi pare infatti non entrarono mai definitivamente nei gusti dei turisti a causa della distanza dal mare, così presto furono abbandonati; nel frattempo quei locali sono frequentati da incontri lontani da occhi indiscreti.
Oggi, con la messa in vendita, il Comune spera di scrollarsi di dosso le spese e fare cassa in un periodo in cui la necessità di ulteriori parcheggi alla marina è tornata alla ribalta.
Il cantiere della via Verde ha ridotto lo spazio nell'ex stazione (ieri il sopralluogo, LEGGI) e gli effetti non hanno tardato a manifestarsi nel primo evento di richiamo della stagione [LEGGI]. 

Il locale pompe antincendioL'ente non intende puntare sull'immobile e l'assessore Luigi Marcello lo ribadisce: "Non abbiamo nessuna intenzione di spendere altri soldi su quel parcheggio. Toccherà a chi lo comprerà ripristinare l'impianto antincendio e renderlo agibile. Questa è solo la prima operazione per sbarazzarci di quei beni infruttuosi che abbiamo. Stiamo portando avanti una revisione di tutti i nostri beni, anche dei terreni, che producono solo costi; è la stessa cosa che avverrebbe in una famiglia". 

Per Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro) la vendita difficilmente porterà a risultati concreti: "È un'operazione assolutamente fallimentare. Al Comune bastava creare un tunnel pedonale sotto la Statale per sbucare sull'altro lato e renderlo più appetibile per i turisti che vanno al mare. Chi lo comprerà a questo prezzo e nelle condizioni in cui è ora?".
Un primo indizio sul futuro della struttura potrebbe arrivare il 12 luglio quando si terrà l'asta pubblica per la vendita dei primi dodici immobili che il Comune non vuole più.

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi