"A pagamento tutti gli eventi più importanti. Allora perché il Comune spende 370mila euro?" - Spettacoli estivi 2018, Suriani, Giangiacomo, d’Elisa e Laudazi attaccano
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 22/06

"A pagamento tutti gli eventi più importanti. Allora perché il Comune spende 370mila euro?"

Spettacoli estivi 2018, Suriani, Giangiacomo, d’Elisa e Laudazi attaccano

Da sinistra Alessandro d'Elisa, Vincenzo Suriani, Guido Giangiacomo e Edmondo LaudaziGli eventi principali dell'estate 2018 sono a pagamento, ma il Comune di Vasto spende 370mila euro per organizzare il cartellone degli spettacoli. Una spesa eccessiva, secondo quattro consiglieri comunali di minoranza: Vincenzo Suriani, Alessandro d'Elisa, Edmondo Laudazi e Guido Giangiacomo.

"Un calendario - scrivono in una nota - effettivamente ricco di eventi, quello presentato ieri dalla amministrazione comunale. Ad uno sguardo distratto potrebbe persino sembrare un calendario di alto profilo, degno delle migliori città rivierasche italiane.
Ma, stando alle dichiarazioni di ieri dell’assessore Carlo Della Penna, è anche il più costoso d'kgni tempo (370.000 euro il budget previsto).

Ancora poco male, direte voi, se sono soldi pubblici spesi bene: ma poi, strabuzzando gli occhi e allungando la vista sulle locandine predisposte dal Comune, si scopre che tutti gli eventi di maggior pregio sono sormontati in alto a destra da una piccola e minuscola € nera, simbolo dell’euro.

Quello che ieri né Della Penna, né Forte, né Menna hanno avuto il coraggio di spiegare è che, da Caparezza a Rocco Papaleo, dal festival dei vini passando per la Mannoia, tutti gli eventi di maggior pregio sono a pagamento.
Non eventi gratuiti finanziati dal Comune, quindi, ma kermesse organizzate da privati che il Comune di Vasto ha inserito nelle locandine, contrassegnati da questa piccola e misteriosa letterina nera, che nessun esponente della maggioranza si è preso la briga di spiegare.
Mentre nelle vicine località di mare il calendario degli eventi estivi punta al massimo afflusso dei turisti e dei cittadini, e offre eventi gratuiti, a Vasto ci si rifugia in eventi di nicchia, tutti a pagamento e rivolti a una platea di pochi.

Allora come si sono spesi 370.000 euro? Per fare cosa?

Facciamo i nostri complimenti alle associazioni e alle imprese che hanno organizzato gli eventi. Solleviamo perplessità totale di fronte al costo esorbitante di queste manifestazioni estive, organizzate con criteri poco chiari, e destinate solamente a una piccola parte della cittadinanza e della platea dei turisti. Gli errori del passato, evidentemente, non hanno insegnato nulla".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi