Rilancio della Pilkington, i lavoratori approvano il piano industriale: il sì ottiene il 69% - Il referendum
 

Rilancio della Pilkington, i lavoratori approvano il piano industriale: il sì ottiene il 69%

Il referendum

Lo stabilimento Pilkington di San SalvoI lavoratori della Pilkington dicono "sì" all'accordo. L'intesa tra azienda e sindacati per salvare i 120 posti di lavoro a rischio, evitando che in futuro salgano a 600, ottiene il via libera da due dipendenti su tre. Così ieri i dipendenti dell'azienda più grande del Vastese danno il via libera all'intesa che prevede investimenti, ma anche ulteriori sacrifici [LEGGI].

La Nippon sheet glass, la multinazionale giapponese del vetro che ha comprato nel 2005 la Pilkington, si impegna a rinnovare i macchinari, ammodernando la produzione di parabrezza e finestrini, e a spostare alcune produzioni dallo stabilimento polacco a quello di San Salvo [LEGGI].

Il referendum - Dei 1732 dipendenti dello stabilimento di Piana Sant'Angelo, i votanti sono stati 1269, pari al 73% degli aventi diritto. I voti favorevoli al Piano industriale per il quinquennio 2018-2023 sono 877 (69,1%), i contrari 375 (29,55%), 5 le schede bianche (0,39%), 12 le nulle (0,94%). Lo scrutinio si è concluso all'1,45 di stanotte.

"E' un grande risultato", commenta Arnaldo Schioppa, segretario provinciale della Uilcem Uil. "Grazie ai lavoratori e alle lavoratrici, che hanno capito il momento delicato che la Pilkington di San Salvo sta vivendo. Il movimento sindacale non può che esprimere soddisfazione per l'esito di questa consultazione".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi