Associazione ’Terre di Punta Aderci’, Michele Bosco è il nuovo presidente - Rinnovato il direttivo del sodalizio nato nel 2009
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 01/06

Associazione ’Terre di Punta Aderci’, Michele Bosco è il nuovo presidente

Rinnovato il direttivo del sodalizio nato nel 2009

È Michele Bosco il nuovo presidente dell'Associazione Terre di Punta Aderci che, mercoledì 30 maggio, si è riunita in assemblea per rinnovare il suo direttivo. L'associazione è nata nel 2009 con il fine di "tutela, difesa e promozione delle peculiarità del territorio e con l’intento di promuovere la partecipazione attiva alla soluzione dei problemi attinenti la vita lavorativa, pubblica e turistica e di gestione dei servizi delle aree di interesse comprendenti le zone di riserva naturale di Punta Aderci, Pagliarelli, Zimarino, Defenza, Torre Sinello, aree adiacenti SS 16 nord da Lebba al confine Comuni di Casalbordino, Pollutri e zone limitrofe".

Nel corso dell'assemblea il presidente uscente Nicola Giarrocco ha ricordato le finalità dell'associazione e poi ha avviato le procedure di votazione in forma verbale. L’assemblea ha eletto con unanime consenso dei partecipanti alla carica di presidente Michele Bosco, che sarà alla guida dell’associazione per i prossimi 5 anni. Fanno parte inoltre del consiglio direttivo Alessandro Roselli (vicepresidente e tesoriere), Roberta Presenza (segretario), Nicola Giarrocco, Antonio Michele Palombo,  Anna Roselli e Giannicola di Marco  (consiglieri).

"L’associazione, che ha carattere volontario e non ha fini di lucro,  ha come fine di sollevare ed essere portavoce delle problematiche riscontrate giornalmente dai residenti della circoscrizione, problematiche riferite in particolar modo alla presenza ormai devastante dei cinghiali ed altre forme faunistiche, delle necessità di gestione, manutenzione e sicurezza dei tracciati stessi, della creazione di un marchio identificativo del territorio per valorizzare le attività produttive nell’area di interesse e di essere presente nella vita amministrativa in ambito turistico dell’area promuovendo in maniera attiva eventi socio-storico-eno-culturali legati al territorio".  

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi