Federico Antenucci e il Servigliano pronti a far festa per la promozione in C1 - Ultima di campionato per la squadra marchigiana in cui gioca il giovane vastese
 
Vasto   Sport 04/05

Federico Antenucci e il Servigliano pronti a far festa per la promozione in C1

Ultima di campionato per la squadra marchigiana in cui gioca il giovane vastese

La promozione in serie C1 è arrivata oltre un mese e mezzo fa [LEGGI] e ora per la Virtus Servigliano, squadra di tennistavolo in cui milita il vastese Federico Antenucci, è il momento di far festa. Sabato 5 maggio l'ultima partita di campionato contro Senigallia, seconda con 4 punti di distacco, sarà una festante passerella per i quattro pongisti che hanno permesso alla società marchigiana di raggiungere un traguardo importante. 

"La conquista della serie C1 è un traguardo che la Virtus sognava fin dal 2012, anno di fondazione della società - commenta la dirigenza -. C1 equivale alla ribalta nazionale, significa portare il nome di Servigliano in piazze storiche del tennis tavolo, compresa Roma; lo faremo con il massimo impegno e umiltà.

Abbiamo ottenuto sul campo questo meritato riconoscimento, vincendo i campionati di D2, nel 2014, e di D1, nel 2015. Dopo tre anni in C2, dopo un amaro secondo posto e la terza piazza della scorsa stagione, ecco la vittoria finale che è il giusto premio per un gruppo fantastico: dalla squadra alla società, dallo staff tecnico ai tifosi”.

Saranno in tanti, anche da Vasto, a raggiungere Servigliano per una giornata di sport e festa insieme al capitano Stefano Mosconi (11 vittorie e una sconfitta quest'anno), Lucio Censori (18 vittorie e una sconfitta), Alessandro De Vecchis (19 vittorie e 3 sconfitte) e il giovane vastese Federico Antenucci (17 vittorie e tre sconfitte), che ha portato tanta energia alla squadra diventando ben presto il beniamino dei tifosi. "La società ringrazia i quattro protagonisti della storica promozione e anticipa che saranno loro a difendere i colori giallorossi nella prossima stagione: squadre che vince, non si cambia". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi