"Centrodestra finora è stato fuori gioco": la frase di Tagliente crea tensioni con 4 consiglieri - Giangiacomo, Suriani, d’Elisa e Laudazi: "Ha aiutato il malgoverno di Lapenna"
 
Vasto   Politica 24/04

"Centrodestra finora è stato fuori gioco": la frase di Tagliente crea tensioni con 4 consiglieri

Giangiacomo, Suriani, d’Elisa e Laudazi: "Ha aiutato il malgoverno di Lapenna"

Giuseppe Tagliente (Lega)"Se la Lega vuole essere parte integrante della coalizione di opposizione, e presto di governo della città, vanno subito esclusi e censurati atteggiamenti paternalistici, che risultano ancora più stucchevoli se portati avanti da chi, negli ultimi anni, ha spesso fornito con le sue astensioni e i suoi compromessi una sponda sicura al malgoverno di Lapenna e Menna". Tensioni nel centrodestra di Vasto dopo la conferenza stampa della Lega, che ha ufficializzato l'adesione di tre consiglieri comunali: Davide D'Alessandro, Alessandra Cappa e Francesco Prospero. E' una frase pubblicata su Quiquotidiano, il sito internet diretto dall'ex consigliere regionale Giuseppe Tagliente, tornato in pista con il Carroccio, a scatenare la replica stizzita di quattro consiglieri comunali: Alessandro d’Elisa, Vincenzo Suriani, Edmondo Laudazi e Guido Giangiacomo, che "esprimono il loro apprezzamento per l'approdo della Lega in Consiglio Comunale ed auspicano che, anche con il futuro gruppo, continui quel proficuo lavoro che ad oggi è stato fatto dai sottoscritti unitamente ai consiglieri Davide D’Alessandro e Francesco Prospero. 

Non ci interessano le candidature ma programmi e progetti che favoriscano l'azione forte e unitaria dei gruppi consiliari del centrodestra fino alle prossime elezioni comunali.

Su proposte comuni, tutte condivise, infatti, ad oggi sei consiglieri hanno fatto una opposizione intransigente, cristallina, senza compromessi ed interessi di bottega, presupposto unico dal quale può ripartire il centrodestra con i suoi alleati civici per la riconquista della Città del Vasto. Una opposizione forte, senza sconti e senza compromessi, della quale ringraziamo i colleghi Prospero e D'Alessandro, e che è nostra intenzione continuare a fare.

Corre l’obbligo di stigmatizzare l’infondatezza di quanto affermato da novelli, ma datati, salvatori della Patria che, dopo essere spariti dalla scena politica subito dopo la sconfitta nel 2016, ricompaiono ora sul carro del vincitore affermando addirittura 'che il centrodestra nell’ultimo periodo aveva dato prova di essere politicamente fuori gioco e visibilmente ininfluente in Consiglio comunale'. Se la Lega vuole essere parte integrante della coalizione di opposizione, e presto di governo della città, vanno subito esclusi e censurati atteggiamenti paternalistici, che risultano ancora più stucchevoli se portati avanti da chi, negli ultimi anni, ha spesso fornito con le sue astensioni e i suoi compromessi una sponda sicura al malgoverno di Lapenna e Menna".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi