Accuse di conflitto d’interessi, Marra: "Vivo del mio lavoro, non di incarichi politici" - Il consigliere di maggioranza: "Io stesso ho chiesto chiarimenti per iscritto"
 
Vasto   Politica 10/04

Accuse di conflitto d’interessi, Marra: "Vivo del mio lavoro, non di incarichi politici"

Il consigliere di maggioranza: "Io stesso ho chiesto chiarimenti per iscritto"

Marco Marra (SI per Vasto)"Questa mattina ho protocollato io stesso, al sindaco, alla segretaria comunale e al presidente del Consiglio la richiesta di chiarimenti in merito ad un mio eventuale conflitto di interesse da comunicare al più presto in Consiglio comunale, visto che ritengo che questa opposizione non ha alcun interesse a chiarire ma solo a fare un operazione di killeraggio politico e personale". Marco Marra risponde ai sei consiglieri comunali della coalizione centrodestra-movimenti civici, che lo accusano di aver votato il bilancio di previsione 2018-2020 del Comune di Vasto in conflitto d'interessi per via del suo lavoro al consorzio Matrix, che si occupa di accoglienza migranti. 

Il consigliere comunale di SI per Vasto contrattacca: "In questo terzo mandato sto assistendo ad una sorta di autismo politico da parte di alcuni esponenti dell’opposizione che, in mancanza di argomentazioni sui problemi della città che comunque non mancherebbero, si divertono a presentare annualmente alla stampa prima e al consiglio comunale dopo, la stessa interrogazione sul mio paventato conflitto di interessi tra il mio lavoro che nulla ha a che fare con Vasto e con i servizi comunali e il mio voto sul bilancio di previsione.

Il Consorzio per cui lavoro svolge svariati servizi in diverse città, province e regioni italiane e la mia professione si rivolge a tutt’altri ambienti e territori rispetto al contesto vastese in cui vivo.

Sono all’interno degli organi istituzionali di questo Comune da 12 anni e ho sempre agito solo ed esclusivamente per l’interesse pubblico e saprei riconoscere da solo un possibile conflitto da cui tenermi alla larga.

Per vivere, come la maggior parte dei cittadini, svolgo la mia professione che ho conquistato con studi, impegni e sacrifici quotidiani, senza mai aver utilizzato la politica come scorciatoia. Anche per questo mi considero un uomo libero che non ha bisogno di tenere il cappello in mano, a differenza di alcuni esponenti di questa opposizione che - polemizza Marra - dichiarano zero redditi e che girano in Mercedes o che hanno avuto e continuano ad avere incarichi professionali grazie alle loro relazioni politiche".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi