D’Amico: "Civeta ancora una volta snobbato dall’amministrazione Marcovecchio" - "Il Comune ha rinunciato a un contributo di 40mila euro"
 
Cupello   Politica 26/03

D’Amico: "Civeta ancora una volta snobbato dall’amministrazione Marcovecchio"

"Il Comune ha rinunciato a un contributo di 40mila euro"

Rimango basito rispetto al facile entusiasmo con la quale il sindaco di Cupello, Manuele Marcovecchio, esulta nell’annunciare le virtù legate ad un attenta raccolta differenziata ed ai benefici economici e ambientali perché adesso curata dalla ditta privata Sapi di Vasto quando poi ha rinunciato, con la pigrizia solita della sua amministrazione, ad un contributo di 40.000 euro promesso dal Civeta per fare la stessa cosa.

Non è riuscito a far partire il progetto sperimentale perché non hanno trovato nessuno che potesse seguirne l’attuazione in un quartiere a scelta proprio dei nostri assenti e distratti governanti. Il progetto sperimentale del Civeta poteva partire mettendoci solo un po’ di sana buona volontà e confidando, con realistico buon senso, anche sul volontario contributo fattivo e diretto da parte di qualcuna delle tante associazioni presenti a Cupello verso la quale l’amministrazione comunale non ha fatto mai mancare cospicue elargizioni finanziarie di sostegno alle attività.  

Riteniamo corretto e giusto chiedere l’impegno ai cittadini a riciclare di più perché è dovere civico oltre che virtuoso; evidenziamo però che loro sono già culturalmente dentro questi principi da tempo perché, chi prima ha amministrato Cupello, ben ha investito in relazione alla natura originale dell’impianto consortile come centro di compostaggio e riciclaggio.

Tristemente oggi la natura dell’impianto è di mera discarica a cielo aperto e l’amministrazione comunale targata Marcovecchio porta dietro di sé molte responsabilità politiche ed istituzionali per questa triste inversione. La privatizzazione del Civeta è stata l’ennesima sottrazione avvenuta a danno dell’intero territorio; il tutto è avvenuto con il silente appoggio delle maggiori amministrazioni comunali senza che quella di Cupello non opponesse alcunché.

Camillo D'Amico

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi