Campionati italiani di kick boxing, giovani atleti vastesi sul secondo gradino del podio - Per i ragazzi del maestro De Palma due medaglie d’argento e quattro di bronzo
 
Vasto   Sport 21/03

Campionati italiani di kick boxing, giovani atleti vastesi sul secondo gradino del podio

Per i ragazzi del maestro De Palma due medaglie d’argento e quattro di bronzo

I ragazzi della scuola del maestro De Palma ai Campionati italiani di RiminiSabato 17 marzo a Rimini la Scuola di Kung Fu del maestro Carmine De Palma, con sedi a Vasto, Termoli e Petacciato, ha partecipato al Campionato italiano Criterium 2018 della F.I.KB.M.S. (Federazione italiana Kick boxing, Muay Thay, Savate) nella specialità Kick Light, primo Campionato italiano ufficiale del 2018, dopo le qualificazioni degli atleti nelle fasi regionali e interregionali, riportando i seguenti piazzamenti:

2° CLASSIFICATO – MEDAGLIA D’ARGENTO
CORBO Federico Categoria Juniores – 74 Kg
PALMER Marco Categoria Seniores – 57 Kg

3° CLASSIFICATO – MEDAGLIA di BRONZO
FIORE Lisa Categoria Fem. Juniores 16/18 anni - 50 Kg
FIORILLI Ilaria Categoria Fem. Cadetti 14/16 anni -55 Kg
PICCOLANTONIO Olga Categoria Fem. Juniores 16/18 anni – 55 Kg
SPALLETTA Mattia Categoria Cadetti 14/16 anni +69 Kg

Il maestro De Palma non può che essere "orgoglioso dei risultati dei suoi atleti, i quali si sono dimostrati eccellentemente maturi e preparati anche per combattere in una Gara di kick light (diversa dalla loro specialità, ovvero il sanda) impegnandosi per dare il massimo e per aggiudicarsi il risultato e la vittoria al Campionato Italiano, obbiettivo raggiunto anche se non per tutti, purtroppo.

Gli atleti in partenza per Rimini erano 11 e tutti motivati e determinati a giocarsi la chance di arrivare sul gradino più alto e di sperare di indossare l’azzurro, subito dopo la gara di maggio, ma purtroppo per 5 atleti (Coscia Enrico, Berchicci Giuseppe, Fiorilli Alessia, Coppa Alessio e Celano Pietro) questo sogno si è interrotto (naturalmente per quest’anno), prima di tutto perché capitati in categorie di 9-10-12-14 atleti e poi perché qualcuno di questi si è scontrato, dopo le prime vittorie, con i campioni italiani del 2017 e con atleti che vantano molta più esperienza in questa disciplina, ma comunque sono stati eccezionali a non regalare nulla a nessuno anzi in alcuni casi, gli altri, hanno dovuto sudare per vincere anche  con un solo punto di differenza. Sicuramente per questi atleti il progetto italiano sarà rinviato all’anno prossimo, con un anno in più di studio, lavoro e allenamento, e sicuramente con un’esperienza in più.

Gli atleti che sono saliti sul podio hanno effettuato degli incontri davvero perfetti, ricchi di tecnica e determinazione, ed ogni singolo atleta ha dato del suo. Ce l’hanno messa tutta per vincere e aggiudicarsi il podio più alto. Federico Corco, dopo 2 incontri dominanti in tutti i sensi, si è dovuto fermare al primo round della finale, nonostante stesse vincendo, per un colpo all’occhio (colpito da un calcio col tallone) che gli ha impedito di continuare. Marco Palmer, dopo due incontri perfetti e impeccabili, perde in finale per soli due punti.

Lisa Fiore, medagliata in Macedonia come Vice Campionessa Europea 2017, quest’anno, per tentare la qualificazione ai Mondiali, ha cambiato categoria salendo negli Juniores 16/19 anni, anche se lei ne ha solo 15. Ha vinto un incontro con la solita determinazione, ma poi ha dovuto abbandonare la semifinale - anche se al secondo round era in vantaggio, per fuoriuscita di sangue dal naso dopo un colpo subito - con tanta rabbia e con la consapevolezza di avere le potenzialità per puntare al primo posto.

Olga Piccolantonio, alla prima esperienza in questa disciplina, si è comportata benissimo iniziando l’incontro con la grinta giusta e con la necessaria carica per vincere, ma purtroppo è arrivata alla gara già con un problema di sanguinamento al naso, causato da un colpo forte subito in allenamento. Ha cercato di contenere i colpi, ma alla fine del primo round si è dovuta arrendere al suo problemino ed è stata costretta ad abbandonare l’incontro per fuoriuscita di sangue dal naso. Mattia Spalletta, anche lui alla sua prima esperienza nella Kick, ha vinto il primo incontro per abbandono dell’avversario dopo i numerosi colpi subiti e poi in Semifinale ha perso per due soli punti contro un avversario più alto e più pesante di lui, ma dopo aver combattuto come un leone.

Abbiamo dimostrato ancora una volta - commenta De Palma - il nostro bagaglio tecnico, la nostra preparazione e la nostra professionalità. Saremo sempre più che determinati e, con voglia di vincere, recupereremo i nostri sbagli".

Sono già ricominciati gli allenamenti in vista delle gare nazionali di Rimini. A maggio il nuovo appuntamento con la kick boxing, ma già ad aprile torna il sanda.

Comunicato stampa

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi