Altro furto in auto, rubate 2 giacche. "Attività investigativa difficile. Evitare oggetti in vista" - Il maggiore Amedeo Consales: "L’attività preventiva è costante"
CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 09/03

Altro furto in auto, rubate 2 giacche. "Attività investigativa difficile. Evitare oggetti in vista"

Il maggiore Amedeo Consales: "L’attività preventiva è costante"

L'ultimo finestrino rottoIl conto dei finestrini rotti a Vasto per rubare all'interno delle automobili parcheggiate è ormai andato perso. L'ultimo è di ieri notte in corso Europa, dove i ladri avevano già colpito portando via pure un pacco di sale [LEGGI]. Nell'ultimo caso, invece, il bottino è di due giacche. La proprietaria, quando è tornata alla vettura, ha fatto l'amara scoperta.

Una fastidiosa ondata di colpi dai bottini esigui (solitamente alle vittime costa più il danno al vetro) di difficile soluzione. Tutte le auto sono potenziali obiettivi, i ladri agiscono in fretta e spesso in zone non coperte da videosorveglianza.
"L'attività preventiva – dice il maggiore Amedeo Consales a zonalocale.it – è costante con le nostre pattuglie in giro per il controllo del territorio. Coglierli in flagranza è oggettivamente più difficile rispetto ai furti nei locali, i ladri agiscono velocemente. Anche l'attività investigativa non è semplice, se la zona è coperta da telecamere come i parcheggi dei centri commerciali, possiamo avere qualche elemento utile, altrimenti è complesso".

Finora è stato rubato di tutto, comprese le buste della spesa appena fatta nei diversi supermercati vastesi. Una circostanza, questa, che potrebbe far pensare a furti per necessità.
Per chi indaga – e che in questi giorni sta ricevendo le denunce delle vittime – la pista più probabile è quella di tossicodipendenti disposti a tutto pur di racimolare pochi spicci per acquistare le sostanze stupefacenti. "La maggior parte dei colpi – consiglia il maggiore – avviene quando il proprietario dell'auto lascia un borsello in vista. Consiglio quindi di evitare di lasciare in vista oggetti in vista che possano invogliare i malintenzionati a rubare".

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi