L’associazione Vocea Romanilor Vastesi celebra la Festa del Marzolino - Appuntamento domenica 11 marzo
CHIUDI [X]
 
Vasto   Eventi 08/03

L’associazione Vocea Romanilor Vastesi celebra la Festa del Marzolino

Appuntamento domenica 11 marzo

L’Associazione Vocea Romanilor Vastesi, domenica 11 marzo alle 15.30 presso il Palace Hotel di Vasto Marina, organizza la terza edizione della Festa del Marzolino, evento che festeggia la primavera nella tradizione dei paesi balcanici. Ospite d’eccezione sarà la celebre cantante rumena Maria Dragomiroiu, amata dal pubblico e dalla critica, insieme al Gruppo Folcloristico Cununa e ai bambini della Scuola Rumena di Vasto. 

Secondo l’antico calendario romano, il 1° marzo era il primo giorno dell’anno e si festeggiava la Matronalia, serie di eventi che celebravano il Dio Marte, Dio della forza, della primavera e della guerra. La parola marzolino ha origine latina , è il nome popolare del mese di marzo. Il significato è rimasto invariato nel  corso del tempo: simbolo della primavera, della rinascita della natura, che porta ottimismo e fede. I colori simbolo sono il  bianco e e il rosso: bianco, per trasmettere  la purezza delle acque, della neve  attribuita alla saggezza, alla guida, e per questo simbolo maschile. Rosso  per simboleggiare  il fuoco, il sangue, il sole, linfa di vita, per questo attribuito alla donna. Il filo bianco e rosso, avvolto insieme, è il connubio di unione maschile e femminile. 

La Festa del Marzolino di domenica 11 marzo è l'inizio diuna serie di eventi che avranno come scopo, la valorizzazione e la conoscenza del grande valore storico dell’anno 2018 per la Romania e per l’Europa; oltre le festività tradizionali, la Romania festeggia il Centenario della Grande Unione del 1918. L’anno corrente, per tutta l’Europa, porta la ricorrenza della fine della Prima Guerra Mondiale, evento che ha tracciato le sorti delle nazioni europee per tutto il secolo scorso. La grande vittoria contro i Poteri Centrali e lo scioglimento dell’Impero Austro Ungarico è stato il frutto della stabile alleanza dei popoli che hanno visto la costituzione della Triplice Intesa, tra cui la storica fratellanza tra l’Italia e la Romania. La fine della Grande Guerra, ha avuto come risultato, per la nostra nazione, la costituzione della Romania come Stato nazionale unitario, con la Grande Assemblea Nazionale del 1° Dicembre 1918, ad Alba Iulia, che dichiarava  l’unificazione di tutti i territori abitati dai romeni, tra cui, la Transilvania.

Irina Ilona Lazar
Presidente Ass. Cult. Vocea Romanilor Vastesi

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi