Confronto tra candidati: tutti promettono battaglia per salvare i Tribunali di Vasto e Lanciano - Il dibattito organizzato da avvocati e commercialisti
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 22/02

Confronto tra candidati: tutti promettono battaglia per salvare i Tribunali di Vasto e Lanciano

Il dibattito organizzato da avvocati e commercialisti

SVasto, Teatro Rossetti: il dibattito tra i candidatienza distinzione di colore politico, i candidati alle elezioni del 4 marzo si impegnano a combattere per evitare la chiusura, nel 2020, dei Tribunali di Vasto, Lanciano, Avezzano e Sulmona. E' l'impegno che hanno preso a Vasto gli aspiranti a un seggio in Parlamento di Pd, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Insieme, Civica Popolare e 10 Volte Meglio.

Al Teatro Rossetti il dibattito sulle sedi giudiziarie subprovinciali e sul futuro degli ordini professionali. Il confronto è stato moderato dal giornalista Gianni Quagliarella e introdotto da Vittorio Melone e Francesco Pietrocola, presidenti rispettivamente dell'Ordine degli avvocati e dell'Ordine dei commercialisti di Vasto.

Le proposte sul salvataggio dei Tribunali - Per Camillo D'Alessandro, la strada per tenere aperte le quattro sedi, anche attraverso l'eventuale accorpamento Vasto-Lanciano e Avezzano-Sulmona, è "la specializzazione. Qualora lo Stato dovesse ridurre il suo apporto finaiziario, la Regione Abruzzo sarebbe pronta a intervenire. Abbiamo già inviato nelle sedi giudiziarie personale regionale in comando, possiamo ulteriormente strutturare questo tipo di intervento". L'appello agli elettori: "Non delegare la rappresentanza abruzzese a candidati non abruzzesi".

Andrea Colletti (Movimento 5 Stelle): "Abbiamo detto a suo tempo che la riforma non teneva conto delle esigenze dei territori. La politica delle proroghe equivale a dare il metadone a un drogato. Basta con le proroghe di 3-5 anni. Rendiamole definitive", per assicurare a "Vasto e Lanciano una giustizia di prossimità".

Etelwardo Sigismondi (Fratelli d'Italia): "La scelta della chiusura dei Tribunali minori non è stata inserita nella Costituzione, quindi è facilmente modificabile attraverso una legge ordinaria. Non capisco perché si debbano finanziare gli 80 euro e gli altri bonus inutili voluti da Renzi e tagliare servizi essenziali come questi. Il mio timore è che, con l'eventuale istituzione della Grande Pescara, altri servizi possano essere tagliati nei nostri territori".

Scettico Enrico Di Giuseppantonio (Noi con l'Italia) sulla possibilità di unificare i Tribunali di Vasto e Lanciano: "Credo che i parlamentari che verranno eletti dovranno saper fare squadra per salvare i Tribunali nella loro autonomia".

Fabio Blasioli (10 Volte Meglio): "Queste strutture devono rimanere sul territorio", potenziando i servizi attraverso la digitalizzazione.

Tiziana Magnacca (Forza Italia): "La strada è quella dell'ottimizzazione delle risorse per non perdere i presidi di legalità, come Procura e Tribunale. La chiusura di queste sedi giudiziarie non va misurata solo come un fatto economico, ma anche sotto l'aspetto sociale. Meglio ridistribuire le competenze giudiziarie, invece di perderle". 

 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 

Chiudi
Chiudi