Cementificio: arrivano le "carte bollate". Wwf e Legambiente ricorrono al Tar - "Valutazione d’Incidenza deve tornare di competenza regionale"
 
Vasto   Ambiente 08/02

Cementificio: arrivano le "carte bollate". Wwf e Legambiente ricorrono al Tar

"Valutazione d’Incidenza deve tornare di competenza regionale"

La manifestazione di due settimane faI responsabili regionali di Wwf e Legambiente, Luciano Di Tizio e Giuseppe Di Marco hanno chiesto formalmente alla Regione di tornare a occuparsi in esclusiva delle valutazioni ambientali oggi assurdamente delegate ai Comuni e hanno annunciato un loro ricorso al TAR contro il parere favorevole al cementificio espresso dall’ufficio tecnico del Comune di Vasto.

Il direttore dell’Arta, Francesco Chiavaroli, ha annunciato di aver costituito un gruppo di lavoro multidisciplinare per "avere un’esatta cognizione delle potenziali interferenze dell’attività produttiva sull’area protetta" [LEGGI].
"Una presa di posizione – scrivono le due associazioni – che indirettamente evidenzia come sia stato un clamoroso errore da parte della Regione delegare ai comuni le valutazioni di incidenza, in precedenza di competenza del Comitato VIA. La struttura regionale poteva contare su tutte le competenze necessarie, Arta compresa, per, usando le parole di Chiavaroli, affrontare la problematica nel rispetto delle normative vigenti in materia ambientale, al fine di gestire al meglio il delicato equilibrio tra lo sviluppo produttivo del territorio e la difesa dell’ambiente.

I Comuni, meno che mai quelli con un minor numero di abitanti, non hanno un organico adeguato per tali valutazioni né tantomeno le risorse per acquisire eventuali consulenze. "Il rischio, per le lacune evidenziate dagli stessi uffici comunali – sottolinea il presidente di Legambiente Abruzzo Giuseppe Di Marco - è che vengano approvati a macchia di leopardo progetti disastrosi per l’ambiente e in contrasto con la programmazione strategica regionale ormai sempre più proiettata verso un'industria green e un'economia circolare, come sta avvenendo a livello mondiale. Per evitare una simile deriva le valutazioni ambientali devono necessariamente ritornare in capo alla Regione".

Il delegato Abruzzo del WWF Italia Luciano Di Tizio entra invece nel merito del caso del cementificio a ridosso di un’area protetta che è anche una delle più belle spiagge d’Italia: "Una vera e propria miniera d’oro per Vasto e per la sua immagine che incredibilmente si vorrebbe mettere a rischio. WWF e Legambiente si sono rivolti a un legale, l’avvocato Francesco Paolo Febbo, al quale è stato dato mandato per presentare un ricorso contro la valutazione positiva che il settore urbanistico del Comune ha rilanciato il 15 gennaio scorso. Ci piacerebbe che fosse l’amministrazione stessa in autotutela a revocare quel parere, ma intanto chiederemo al giudice di esprimersi, convinti come siamo che la normativa non sia stata pienamente rispettata".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi