La testimonianza di Zaira alla "Salvo D’Acquisto" di San Salvo - Presentata l’associazione Agbe
CHIUDI [X]
 

La testimonianza di Zaira alla "Salvo D’Acquisto" di San Salvo

Presentata l’associazione Agbe

Si è tenuto lunedì scorso presso la scuola media Salvo D’Acquisto un incontro di sensibilizzazione dell’AGBE “Associazione Genitori Bambini Emopatici” di Pescara rivolto a tutte le classi seconde dell’istituto, .

Erano presenti il vicepresidente Giovanbattista Colangelo, il consigliere Daniela Dell’Aquila, la psicologa dr.ssa Victoria Marcucci, la signora Erika Palomba in qualità di genitore AGBE e la figlia Zaira. Inoltre i docenti accompagnatori delle classi seconde. Dopo il saluto della dirigente Annarosa Costantini, i volontari AGBE hanno raccontato la loro esperienza.

L’associazione, fondata alla fine del 1999 dai genitori dei bambini affetti da leucemie o altre patologie del sangue, è nata con lo scopo di aiutare le famiglie che di colpo si sono ritrovate a combattere una battaglia più grande di loro. Con il passare degli anni questo progetto si è concretizzato ancor di più: la realizzazione della casa alloggio vicino all’ospedale per accogliere le famiglie dei bambini ricoverati, l’aiuto concreto alle famiglie con un servizio di trasporto casa-ospedale-casa in modo da alleggerire già al gravosa situazione in cui ogni famiglia viene a trovarsi, l’allestimento di ambienti a dimensione bimbo all’interno della struttura del day hospital dell’ospedale di Pescara.

Scopo di questo incontro è stato appunto quello di far conoscere l’associazione e il lavoro svolto dai tanti volontari che vi operano. Inoltre, si è cercato di sensibilizzare gli alunni a queste problematiche, facendo però loro comprendere il fatto di non essere soli.

Nell’occasione dell’incontro, la suggestiva testimonianza di Zaira, una ragazza della nostra città che ha vissuto questa esperienza e ha voluto trasmettere ai suoi coetanei un chiaro messaggio. “Il mio motto è vivere e non soltanto esistere – ha detto Zaira – vivere amando se stessi con le proprie debolezze e le proprie paure e amando il prossimo per quello che è e non per ciò che vorremmo che fosse; solo così riusciremo a respirare una vita vera e solo così capiremo il significato della parola AMARE".

Questo incontro rientra in un progetto curato dalla prof.ssa Stefania Arbia che vedrà i ragazzi impegnati con e per l’associazione in occasione delle festività pasquali con la vendita di uova di cioccolato che si terrà a scuola. Le donazioni così raccolte saranno totalmente devolute all’AGBE e utilizzate per i progetti futuri dell’Associazione.
Inoltre, gli alunni della classe II A prepareranno dei lavori in formato digitale che condivideranno direttamente con alcuni volontari AGBE in occasione di una visita presso le case alloggio di Pescara, prevista per il prossimo 27 febbraio.

Commenti




 

 
Spazio autogestito a pagamento
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi