Davide Patella: "Ho saldato il debito. I processi si facciano nelle sedi opportune" - L’inventore sansalvese dice la sua
 

Davide Patella: "Ho saldato il debito. I processi si facciano nelle sedi opportune"

L’inventore sansalvese dice la sua

Patella con una delle auto che monta il suo kitDavide Patella, l'inventore sansalvese, ha risarcito il commerciante di Treviso (Silea) che lo aveva portato all'onore delle cronache con una denuncia per truffa [LEGGI].

"La storia del bonifico non andato a buon fine – dice prima di tutto Patella a zonalocale.it mostrando il bollettino bancario – è stata frutto di un disguido, ora risolto". Al centro della vicenda c'è la vendita del kit per risparmiare sulla benzina che il trevigiano acquistò senza mai riceverlo.

Il 30enne sansalvese ora spera che l'eco su questa disavventura si spenga. "Questa storia mi ha creato danni sia a livello lavorativo che personali. Sono un incubatore di nuove tecnologie per lo sviluppo di auto elettriche per una nota casa automobilistica per la quale stiamo progettando il sistema di propulsione", dice mostrando le foto dei suoi ultimi lavori.

L'uomo che è stato rimborsato si era rivolto allo Studio 3A che nella nota stampa di qualche tempo fa citava anche una presunta vendita di biglietti falsi per il Gran Premio di Formula 1 di Monza a un gruppo di amici. Patella smentisce anche questa circostanza: "I biglietti sono veri, ho tutte le prove. La verità è che non ci sono mai andati".

Infine, l'invito ad attendere che la giustizia faccia il suo corso: "Ho rimborsato di 950 euro il commerciante. Ora, saranno le sedi opportune a dire se le loro accuse sono fondate. Attendiamo loro prima di rovinare una persona".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi