1968-2018: la storia di Guilmi ricostruita partendo dai temi dei bambini di 50 anni fa - Il piccolo comune dell’Alto Vastese al centro di un progetto culturale
CHIUDI [X]
 
Guilmi   Cultura 23/12/2017

1968-2018: la storia di Guilmi ricostruita partendo dai temi dei bambini di 50 anni fa

Il piccolo comune dell’Alto Vastese al centro di un progetto culturale

Dal 28 al 30 dicembre il paese di Guilmi, con il patrocinio del Comune, sarà impegnato in laboratori mirati dai bambini agli adulti. In vista della pubblicazione di due nuovissimi libri, che usciranno in occasione della Festa patronale del 4 e 5 maggio 2018, sono previsti laboratori promossi dall’associazione Stringhe colorate di Como, condotti da Tiziana Luciani, esperta arteterapeuta e psicoterapeuta (autrice di E corrono ancora: storie italiane di donne selvagge).

Sarà presente anche Alberto Terzi, sociologo e scrittore che nel 2017 ha intervistato, a 50 anni di distanza, buona parte degli ex alunni guilmesi delle scuole medie della fine degli anni 60’. Infatti, nel 1968, un gruppo di giovani milanesi, scesi al Sud per dare una mano nei paesi agricoli e montani più disagiati, come Guilmi, trovò uno scatolone con dentro numerosi temi, li registrò e li trascrisse scrupolosamente, e ora finalmente, nel 2018 verranno alla luce.

Il leader di quei giovani, Antonio Gervasio, con la cooperativa Alfa di Lomazzo, gestì addirittura una Casa di vacanze estive per diversi anni, evento che animò Guilmi e che tutti ricordano positivamente. La storia è stata raccontata nel libro Come le scarpe nel frigorifero, edito dall’Officina della narrazione nel 2016.

La novità dei laboratori che si svolgeranno durante le vacanze di Natale sta nel fatto che verranno riproposti gli stessi temi di 50 anni fa anche ai bambini, ai ragazzi e ai giovani per scoprire cosa è cambiato. Mentre con coloro che scrissero i temi allora si ricostruirà il filo della memoria con tecniche particolari. Sarà un grande momento culturale e storico, ma si guarderà anche al futuro di questo piccolo paese, patria della Ventricina, ma anche di uno spirito forte che ha saputo affrontare le asperità della migrazione, diffondendo nel mondo la sua laboriosità.

Guarda le foto

Commenti




 

 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi