Nasce il comitato per la modifica del Prg: "Declassare terreni da edificabili ad agricoli" - "A Vasto mercato fermo da 10 anni, paghiamo solo tasse pesanti senza benefici"
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 18/12/2017

Nasce il comitato per la modifica del Prg: "Declassare terreni da edificabili ad agricoli"

"A Vasto mercato fermo da 10 anni, paghiamo solo tasse pesanti senza benefici"

A Vasto è nato il Comitato cittadino per la variante al Prg"Per volere di un gruppo di cittadini vastesi, proprietari di terreni, classificati edificabili compresi nel territorio di Vasto, si è deciso di costituire un comitato spontaneo la cui finalità principale sarà quella di stimolare e sollecitare l’amministrazione comunale di Vasto, nelle persone del sindaco, della Giunta e dell’intero consiglio comunale affinché si avviano in tempi brevi le pratiche necessarie per il declassamento dei terreni da edificabili a suolo agricolo".

Lo annunciano i promotori dell'iniziativa: Michele Giannone, Michele Giarrocco, Luigi Del Borrello, Camillo Graziani e Rosanna Vitelli

"La procedura risulta essere già avviata, a seguito delle istanze presentate spontaneamente nel corso del 2016 o a seguito del bando scaduto nel dicembre dello stesso anno, gli uffici dell’urbanistica del Comune di Vasto avevano già compilato un elenco dei richiedenti provvedendo all’individuazione di particelle interessate sulle mappe quantificando anche l’ammontare del mancato introito del Comune per effetto della non tassabilità futura dei terreni. Per questo va ricordato il punto di partenza, i terreni edificabili lo sarebbero solo apparentemente e non nella realtà per le ragioni a tutti ben note, tra le quali certamente la recessione economica vastese, gli eccessivi vincoli (creazione progettazione dei comparti), il mancato interesse agli investimenti, la saturazione del mercato dell’edilizia fermo ormai da oltre un decennio.

Intanto i possessori di queste aree continuano ad essere gravati di Imu e tasse conseguenti appesantite dal valore presunto senza che i proprietari possano trarne in cambio alcun beneficio. Altri comuni già da anni hanno provveduto a declassare i terreni edificabili promuovendo varianti parziali ai Prg comunali (Chieti, Teramo, Pollutri e tanti altri comuni non solo abruzzesi).

La procedura non sarebbe complicata, basterebbero sensibilità e volontà dell’amministrazione comunale affinché si comprenda quali passaggi oggi sono utili per ridefinire e riprogettare i punti cardine volti allo sviluppo e al conveniente utilizzo del territorio vastese.

Ad oggi la procedura risulta ferma, il sindaco sta riflettendo su quanto il bilancio comunale possa essere impoverito da eventuali mancanti futuri introiti dell’Imu ma intanto i cittadini si trovano costretti a dover pagare inutilmente tasse inique e ingiuste. Questo è il motivo che ha partorito la costituzione del comitato, ha come obiettivo principale quello di informare nel migliore dei modi l’opinione pubblica, di promuovere le iniziative necessarie utili ad ottenere la riconversione delle aree edificabili in suolo da destinare all’agricoltura.

Il comitato è aperto a tutti quelli vogliosi di sostenere la nostra iniziativa, anche chi non possiede terreni edificabili, per questo il direttivo promotore invita tutti quelli che hanno intenzione di contribuire a risolvere una palese ingiustizia: 'Equiparare un’area edificabile soggetta a intervento diretto (permesso a costruire) rispetto a un’area che, al contrario, prima di diventare realmente edificabile deve passare dall’adozione e successiva approvazione di un piano lottizzazione o piano attuativo'.

Chiediamo al sindaco se ritiene necessario per una giustizia sociale adoperarsi, come altri primi cittadini italiani hanno già fatto, affinché si dia corso all’approvazione di una variante parziale al Prg.

I contatti per aderire all’iniziativa: comitatoprgvasto@libero.it".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi