Parco delle Lame abbandonato, Ivo Menna: "Rischio frane". Prospero: "Discariche abusive" - Fa discutere il degrado dell’area sportiva del centro storico
 
Vasto   Politica 13/12/2017

Parco delle Lame abbandonato, Ivo Menna: "Rischio frane". Prospero: "Discariche abusive"

Fa discutere il degrado dell’area sportiva del centro storico

Vasto: degrado al Parco Muro delle LameSul degrado in cui versa il Parco Muro delle Lame di Vasto intervengono l'ambientalista Ivo Menna, referente locale dell'Ona (osservatorio nazionale amianto), e il consigliere comunale di Progetto per Vasto, Francesco Prospero

Ivo Menna: "Alleggerire l'area" - "Da almeno un quindicennio - afferma Ivo Menna - abbiamo posto all’ attenzione delle varie amministrazioni comunali la questione del Parco Muro delle Lame, area al di sotto di Via Adriatica, e lo abbiamo considerato unico polmone naturale della città, dove centinaia di vastesi che amano lo sport si allenano anche di inverno con una pista abbastanza precaria, sfuggendo al disastro ambientale e umano delle periferie dormitorio. Abbiamo anche proposto un modo semplice per raggiungerlo, poiché appare arduo e pericoloso discendere al di sotto di Palazzo d’Avalos, a causa della forte pendenza e dei vari smembramenti della stradina brecciata che vi accede. Nello stesso tempo avevamo proposto di intervenire sulla scalinata, – (di fronte alla Chiesa di San Antonio) – in pietra di Trani, che ha sempre dato segni di cedimenti con le fenditure che si allargano vieppiù, abbattere quei muri di inerti sostituendola con una scalinata leggera di gradini in legno e terra battuta.

Risultato: adesso è chiusa con cancelli di ferro.

E che non si ascoltino i consigli che vengono dati ormai è divenuta abitudine. Intanto nel 2013, novembre, al di sotto dell’area archeologica di Via Adriatica, di fronte alla chiesa di Sant’Antonio, un evento franoso ci ha colpito nuovamente. La terra inzuppata ha travolto e scatenato la pur forte palificazione a sostegno della passeggiata, lambendo la staccionata realizzata in legno dalla Sovrintendenza ai beni archeologici; lo smottamento di terra ha seppellito la gradinata che conduce ai campi podistici rendendola inutilizzabile. Quando potremo avere la certezza che questa accorciatoia venga ripristinata per uso pubblico?

Per quanto riguarda la area detta pista di atletica, vorrei aggiungere che accanto ad essa esistono da molti anni due campetti da tennis che esteticamente e strutturalmente stonano con la stessa pista, e lo stesso posso dire con sicurezza della inutilità delle tribune che a nessuno spettatore servono perché siamo in presenza di atleti dilettanti che non cercano applausi e consensi, ma solo la funzionalità di una infrastruttura. Tribune di cemento che il Comune deve rimuovere utilizzando gli uffici preposti degli ingegneri, e invece creare spogliatoi e docce sanitarie per gli sportivi, naturalmente con un costo adeguato per la utenza, cosi potendo remunerare qualche giovane in cerca di occupazione. Non trascurando in primavera e estate un punto ristoro da far gestire a giovani in cerca di lavoro.

Una attenzione molto molto seria sarebbe quella di arricchire di nuove piante di alto fusto stanti i cambiamenti climatici in corso. Potrebbe essere una occasione di segnare una netta discontinuità con la passata gestione Lapenna, che nulla e meno di nulla ha fatto per degnamente rappresentare anche gli interessi degli sportivi di atletica. Una vera discontinuità con il passato sarebbe l’inserimento di due figure: un botanico e un agronomo per generare un Nuovo Piano Regolatore del Verde pubblico in previsione di realizzare quel sogno del Parco Diomedeo che conta circa 35 mila metri quadri rispondendo così alle alterazioni climatiche e al risanamento di una area abbandonata da trenta anni da ogni amministrazione e decidere di come utilizzarla per fare in modo che il comune possa trarne beneficio economico.

Altra sollecitazione molto seria rivolgo a questa amministrazione affinchè un sistema di vigilanza tecnologica e anche vigilanza fisica delle forze dell’ordine possano cercare di impedire quel fenomeno inquietante della droga che investe fasce giovanili e che rilasciano dispersi nell’area siringhe pericolosissime per tutti. Risanamento vuol dire attivare interventi pubblici per il bene della collettività. Questo è il senso che vogliamo dare alla cosa pubblica".

Interpellanza di Prospero - Ecco il testo del documento in cui Francesco Prospero rivolge alcuni quesiti al sindaco di Vasto, Francesco Menna: "Il sottoscritto Consigliere Comunale di Minoranza Avv. Francesco Prospero sulla premessa che:
- In continuità con le amministrazioni che si sono susseguite nell’ultimo decennio codesta amministrazione continua a trascurare le aree verdi e gli impianti del Parco Sportivo Muro delle Lame;
- Diversi punti del Parco, infatti, continuano ad essere una discarica abusiva e un luogo dove i tossicodipendenti trovano libero sfogo;
- Anche gli spalti e la pista necessitano di urgenti opere di manutenzione e devono essere adeguati alle esigenze dell’utenza;
- I podisti di Vasto hanno dato, negli anni, lustro alla nostra Città partecipando a gare regionali, nazionali e internazionali (maratona di New York) e, pertanto, devono avere delle strutture adeguate per i loro allenamenti;
- La pista di atletica situata nel parco è l’unica presente nella nostra Città;
- L’area è frequentata quotidianamente, anche nelle ore serali, da decine di persone;
- Le strade di accesso sono pericolose, piene di buche e a tratti impraticabili;
- Quello che potrebbe essere un punto di aggregazione importantissimo per la Città si trova ad essere un luogo degradato, accessibile con difficoltà, insicuro, con erbacce e sporcizie su gran parte dell’area;
- Tutto questo non rappresenta un bel biglietto da visita sia per i nostri concittadini, che amano frequentare quel meraviglioso posto, sia per i turisti che frequentano l’unico parco sportivo della Città;
- L’amministrazione comunale deve avere cura di questo luogo, ormai abbandonato a se stesso, studiando soluzioni migliorative per la sua pulizia, manutenzione e adeguamento delle opere.
Tutto ciò premesso, il sottoscritto Consigliere Comunale di Minoranza, nella sua qualità, interpella, ai sensi dell’art. 60 del Regolamento Consiliare, la S.V., in qualità di guida dell’attuale amministrazione comunale, per conoscere e sapere:
1) Cosa intende fare l’attuale amministrazione per la pulizia e manutenzione delle aree del Parco;
2) Cosa intende fare, e in che tempi, per ripristinare il manto stradale degli accessi;
3) Cosa intende fare per adeguare la pista e gli spalti alle esigenze dell’utenza;
4) Cosa intende fare per migliorare la sicurezza del parco e se intende attrezzare l’area di un adeguato impianto di videosorveglianza".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi