Salmonella nel Buonanotte, il Pd di San Salvo: "C’è bisogno di un’ordinanza cautelativa" - Il Comune non ha ricevuto la comunicazione dell’Arta
 
San Salvo   Politica 07/12

Salmonella nel Buonanotte, il Pd di San Salvo: "C’è bisogno di un’ordinanza cautelativa"

Il Comune non ha ricevuto la comunicazione dell’Arta

Il canale pulitoIl caso della salmonella nel torrente Buonanotte anima il dibattito politico sansalvese. A prendere posizione, dopo Art. 1 - Mdp, è il Partito Democratico.

"Quanto rilevato dall’Arta sulle acque del torrente Buonanotte – scrive il Pd – è da ritenersi grave e dannoso per la salute dei cittadini e per l’ambiente. Abbiamo atteso qualche giorno prima di entrare nel merito della questione non perché indifferenti al problema, ma perché certi che l’amministrazione comunale prendesse in carico tale grave problema e riferisse alla città quanto stesse facendo in merito. Ma il suo silenzio è da ritenersi assordante e pericoloso.

A lasciarci ancor più sconcertati sono poi le parole dell’assessore all’ambiente Giancarlo Lippis contattato a riguardo dal sito zonalocale.it [LEGGI] al quale afferma che, a differenza del Comune di Vasto dove il sindaco Francesco Menna, dopo il rapporto ricevuto dall’Arta, ha emesso l’ordinanza che vieta agli agricoltori di utilizzare l’acqua, lui ha risposto dicendo di non aver ricevuto comunicazioni in questo senso dall'Arta, pur trattandosi della stessa acqua".

Questo a significare che, visto che l’Arta non ha inviato il rapporto, le acque di San Salvo si possono utilizzare. Ciò ha semplicemente dell’assurdo. Ciò è a dir poco sconcertante. La superficialità con la quale l’assessore Lippis e l’amministrazione comunale sta gestendo questa seria emergenza è ha dell’inverosimile.

Il torrente Buonanotte insiste in un territorio a confine con il Comune di Vasto. Le acque prelevate lo scorso 20 novembre e poi analizzate dall’Arta sono le stesse e identiche sia per il Comune di Vasto che per quello di San Salvo.

Come possono l’assessore Lippis, il sindaco e la sua maggioranza basarsi solo su un rapporto non inviatogli dall’Arta e permettere agli agricoltori di continuare ad utilizzare quelle stesse acque che hanno evidenziato la presenza del batterio patogeno responsabile di infezioni intestinali?
La salmonella è una cosa grave! Ma l’amministrazione lo sa? Ne è al corrente di quanto questo sia dannoso per la salute e per l’ambiente?

Un’ordinanza cautelativa di divieto di utilizzo delle acque in attesa di risposte di chiarimento da parte dell’Arta era doverosa da parte dell’amministrazione comunale per il bene e la salute dei cittadini.
Alla luce di questo, all’assessore all’ambiente Giancarlo Lippis, al sindaco e alla sua maggioranza chiediamo se è stata effettuata una richiesta scritta all’Arta e se è stata fatta vogliamo che sia resa nota alla città – per tranquillarci noi e per tranquillizzare la Città tutta – in cui la stessa:

  • viene informata del fatto che le acque nelle quali ha effettuato le analisi sono le stesse ed identiche a quelle del Comune di Vasto;
  • viene sollecitata ad effettuare nuove ed aggiuntive verifiche a riguardo;
  • e per sapere il motivo per il quale il rapporto è stato inviato solo al Comune di Vasto e non anche a quello di San Salvo.

Il bene e la salute dei cittadini e dell’ambiente è primario e fondamentale. Da un’amministrazione comunale che non fa altro che sbandierare questo solo a parole, chiediamo fatti.

Da un’amministrazione che continua sempre e solo ad “avvisare ed informare” la Città con comunicati solo quando vuole prendersi plausi e consensi –e sempre però grazie al lavoro altrui- ripetiamo: Un “buon amministratore” le informazioni le divulga tutte. E informare la Città di questo grave problema che interessa anche San Salvo perché il torrente Buonanotte si trova anche sul territorio di San Salvo, è d’obbligo per un’amministrazione comunale, cosi com’è d’obbligo adoperarsi in merito". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi