Il Mattei e la Spataro si incontrano per parlare di illustri personaggi vastesi - Al centro dell’attenzione Enrico Mattei e Gabriele Rossetti
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 18/11

Il Mattei e la Spataro si incontrano per parlare di illustri personaggi vastesi

Al centro dell’attenzione Enrico Mattei e Gabriele Rossetti

Al fine di creare una collaborazione tra ordini di scuola diversi, promuovendo così una interdisciplinarità trasversale, l’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Mattei” di Vasto ha incontrato la Scuola Primaria “G. Spataro” (Istituto Comprensivo 1) per approfondire insieme lo studio di illustri personaggi vastesi o comunque legati al nostro territorio.

Il progetto, coordinato dall’insegnante Rosaria Spagnuolo, ha visto, nello specifico, la prof.ssa Susanna Bevilacqua, docente di lettere dell’IIS “E. Mattei”, impegnata ad approfondire con le classi 5aB e 5aC  della “Spataro” la figura e l’opera di personaggi del calibro di Enrico Mattei e Gabriele Rossetti. 

“La partecipazione delle due classi - dice la prof.ssa Bevilacqua - è stata vivace e attiva, con tante curiose domande poste, mai banali. Grande è stato l’interesse dimostrato dagli alunni, che hanno anche preso compitamente appunti. Insomma, è risultata davvero una bella esperienza per tutte le persone coinvolte, non solo per gli studenti, ma anche per me, che sono abituata a incontrare sguardi di adolescenti con esigenze e linguaggi molto diversi rispetto a quelli dei bambini”.

Grazie alla loro innata curiosità, i giovanissimi alunni della “Spataro” hanno appreso tante notizie sia su Enrico Mattei, che a Vasto frequentò la Regia Scuola Tecnica e alla città abruzzese rimase in seguito profondamente legato, tanto da contribuire al riscatto della zona da presidente dell’Eni, sia su Gabriele Rossetti, poeta, patriota e critico letterario vastese il cui genio artistico venne ereditato anche dai suoi figli, in particolare dalla poetessa Christina Rossetti e da Dante Gabriel Rossetti, che fu tra i fondatori del movimento artistico dei Preraffaelliti.

Paola Cerella

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi