Servizio civile nazionale, a Casalbordino prendono il via tre progetti - Otto giovani coinvolti nei progetti promossi dal Comune
 

Servizio civile nazionale, a Casalbordino prendono il via tre progetti

Otto giovani coinvolti nei progetti promossi dal Comune

Foto di Enzo DossiSono stati presentati ieri nella sala consiliare del Comune di Casalbordino i progetti del servizio civile nazionale che vedranno impegnati otto giovani casalesi. Martino Dossi De Gregoris, Maura Trivelli, Morena Antonini, Raffaella Bozzelli, Sara Ranalli, Fabiana Sabatini, Luisa D'Aurizio e Debora Verini prenderanno parte ai progetti L'archivio Storico del Comune Passato, Presente e FuturoUn aiuto Concreto e Casalbordino Informa.

All'incontro in Municipio hanno preso parte il funzionario della Regione Abruzzo Maria Lorena Sora, l'assessore alle politiche sociali Carla Zinni, l'assessore al turismo Alessandra D'Aurizio, il consigliere comunale Paola Basile e il responsabile del 1° settore Antonio Araiano Barsanofio. Ai giovani che si apprestano ad iniziare il servizio civile, guidati dai tutor Antonio Ariano Barsanofio, Giuseppina De Sanctis e Michele Bucciarelli, sono stati consegnati i documenti del progetto, la carta dell'impegno etico e del servizio civile e una stampa del Comune di Casalbordino. 

Gli otto giovani sono pronti ad intraprendere con entusiasmo i progetti per cui sono stati selezionati con la consapevolezza di mettersi al servizio dell'intera comunità per l'intera durata del servizio civile. Nel corso dell'incontro l'assessore Zinni, nell'annunciare che il Comune di Casalbordino parteciperà anche al prossimo bando del servizio civile, ha spiegato che l'amministrazione ha voluto iniziare questa esperienza con una cerimonia ufficiale "per farli sentire accolti in Comune, poichè questa è la casa di tutti".

Ha ricordato, inoltre, che quella del servizio civile non è un'occasione che "deve far colvitare aspettative come una proroga o la trasformazione in un contratto di lavoro pubblico. Però si tratta di una grande opportunità di crescita personale e di educazione alla cittadinanza attiva. Questa potrà e dovrà essere inserita nel curriculum vitae di ciascuno dei giovani coinvolti per le capacità che acquisiranno e che saranno spendibili nella loro ricerca di lavoro". 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi