"#ioleggoperché: un altro modo di fare scuola, un altro modo di fare cultura" - Settimana chiusa dal concerto di Federico Sirianni in piazza San Vitale
 

"#ioleggoperché: un altro modo di fare scuola, un altro modo di fare cultura"

Settimana chiusa dal concerto di Federico Sirianni in piazza San Vitale

Sabato 28 ottobre a conclusione del progetto #ioleggoperché in piazza San Vitale a San Salvo, si è svolta la manifestazione conclusiva di una settimana di iniziative volte all’incentivazione alla lettura, con una lezione concerto, che ha avuto quale protagonista il cantautore Federico Sirianni.

Organizzatori dell’evento sono stati la professoressa Emma Sarcinelli, con la collaborazione della professoressa Sabrina Di Filippo, grazie al sostegno fattivo della dirigente Annarosa Costantini, con il patrocinio del Comune di San Salvo. La professoressa Sarcinelli ha voluto coinvolgere in questo progetto gli studenti di tutti gli istituti del "Mattioli" e le classi terze della scuola media di Salvo D’Acquisto, al fine di avvicinare i ragazzi alla cultura. 

L’evento è stato la giusta conclusione di una settimana ricca di incontri, presso le varie librerie della nostra città. La mattinata che ha visto la presentazione del libro L’uomo equilibrista con l’autore Federico Sirianni e l’ascolto di alcuni brani interpretati dallo stesso è stato un momento davvero coinvolgente. 

Noi studenti raccolti nella piazza, abbiamo ascoltato varie canzoni fra le quali Quello che non ho di Fabrizio De Andrè, che affronta la tematica dei diritti negati, una canzone scritta dal cantautore dedicata ad un prete, don Andrea Gallo, conosciuto a Genova e ricordato per la sua immensa generosità. Sirianni ha proposto inoltre, altri brani che ricordavano i suoi viaggi e le sue esperienze, accompagnato nell’esibizione dai musicisti Barbati e Di Blasio.

La professoressa Sabrina Di Filippo ha raccontato, nel suo intervento, di aver coinvolto gli alunni leggendo alcuni racconti in classe, per lasciare i ragazzi alla libera riflessione, attraverso un approccio storico e filosofico, sostenendo che questa, sia stata un’occasione per  riuscire a conoscere direttamente l’autore di un libro letto in classe e per ascoltare le sue musiche e canzoni, “un altro modo di fare scuola un modo di fare cultura al di là dei banchi e delle cattedre”.

Sirianni ha affermato: “La passione per il mio lavoro, è arricchita dal piacere che provo con queste esperienze vicino ai giovani. Spero di lasciarvi attraverso le mie canzoni ricche di parole, delle emozioni che facciano capire a voi ragazzi, che in questo momento avete il mondo in mano e potete cambiarlo, a differenza della mia generazione che non ha fatto abbastanza, ed ora voi dovrete riparare ai nostri “errori””.

Era presente anche il sindaco Tiziana Magnacca che ha sostenuto l’evento e dichiarato: “Diventiamo più consapevoli dell’importanza della conoscenza, per essere uomini e donne davvero liberi e per lottare consapevolmente per i diritti negati”.

Questa esperienza personalmente, mi ha lasciato la consapevolezza di dover apprezzare ogni momento della vita, sia negativo che positivo e trasformarli in strumenti da cui trarre insegnamenti per il futuro. È stata una bella esperienza che ripeterei volentieri.

Gabriella Fabrizio

Guarda il video Guarda le foto

Commenti


Video - #ioleggoperché, intervista a Federico Sirianni

Video della redazione dell'Istituto "Mattioli" di San Salvo



 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi