A Cupello si parla di cinghiali con l’assessore Pepe - Incontro pubblico sull’emergenza-ungulati
CHIUDI [X]
 
Cupello   Eventi 05/10

A Cupello si parla di cinghiali con l’assessore Pepe

Incontro pubblico sull’emergenza-ungulati

A Cupello, venerdì 6 ottobre (ore 18), Il Cambiamento organizza un convegno sul tema "Cinghiali" per fare chiarezza e per sentire dalla viva voce dei protagonisti quali siano le prospettive future. Al dibattito interverrà l’assessore regionale alle Politiche agricole e venatorie Dino Pepe e il consigliere regionale Mario Olivieri Presidente della Commissione Salute. Apriranno i lavori il consigliere comunale Camillo D’Amico e il sindaco Manuele Marcovecchio. Modera Francesco Bottone, giornalista. Presenti gli amministratori del territorio. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, venerdì 6 ottobre presso il ristorante l’Arcobaleno (SP 212, C.da Polercia, Cupello, ore 18:00).

----

Il problema dell’alto numero dei cinghiali è da tempo una vera emergenza. Un pericolo per l’incolumità pubblica; decine gli incidenti gravi generati da questi ungulati, di cui tre mortali. E poi, ingenti danni alle colture, infatti, l’alta presenza di cinghiali unita alla politica agraria comunitaria, che incentiva e premia l’abbandono della coltivazione piuttosto che la tenuta in produzione, sta generando un territorio poco coltivato e con gravi danni anche alla tenuta fisico chimica dello stesso. Si aggiunga che, sempre più spesso, gli agricoltori rinunciano a fare domanda di rimborso per danni da animali selvatici, sia per le lungaggini burocratiche che per la scarsa percentuale di indennizzo, che si attesta tra il 30-35% del danno subito. 

La Regione Abruzzo, ente preposto a prendere iniziative in merito, non ha ancora intrapreso azioni incisive e definitive. Nell’ultimo periodo, però, si è cercato di avviare una sistematica azione di caccia con il metodo del “selecontrollo” e “di soccorso” ma non in tutta la regione a causa di azioni strumentali e contrarie di alcuni Ambiti territoriali di Caccia. Restano, attualmente, ampie zone del territorio dove nessuna forma di prelievo è ancora ammessa, come le aree di riserva regionali. Proprio in queste aree allignano la maggior parte delle mandrie di cinghiali.

Con apposito bando del PSR Abruzzo 2014/2020, che a breve sarà emanato, la Regione Abruzzo ha stanziato € 400.000 per trasformare la presenza dei cinghiali “da problema a possibile opportunità , generando economia e lavoro stabile”. Per accedere al bando, in caso di società, i due terzi debbono essere aziende agricole.

I sindaci si trovano, quotidianamente, di fronte a domande d’intervento da parte di cittadini ed agricoltori. Nel recente passato alcuni primi cittadini della provincia di Chieti hanno cercato di agire attraverso l’emanazione di un’ordinanza comune tesa ad abbattimenti selettivi ed immediati, sia per ragione di ordine pubblico ma anche di carattere igienico sanitarie. L’iniziativa, purtroppo, interrotta dal prefetto perché non è ammissibile. Simile iniziativa potrebbe essere fatta sull’intero territorio regionale purchè s’evidenzi una precisa volontà politica al riguardo.. 

Per trovare una possibile e duratura soluzione sarà senz’altro necessario adottare interventi plurali ed articolati in cui la Regione ne assuma la regia e gli Ambiti Territoriali di Caccia vengano investiti di nuove e più attuali responsabilità, anche alla luce della “scomparsa” delle Province per attuazione della legge “Del Rio”.

Il Cambiamento

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi