Vigili, concorso bloccato e 13 contratti in scadenza: da ottobre il Comando si svuota - Barisano: "Cerchiamo una soluzione per mantenere inalterati i livelli d’organico"
 
Vasto   Attualità 25/09

Vigili, concorso bloccato e 13 contratti in scadenza: da ottobre il Comando si svuota

Barisano: "Cerchiamo una soluzione per mantenere inalterati i livelli d’organico"

L'organico si sta per ridurre di oltre un terzo, il concorso per assumere sei vigili urbani è bloccato ed è anche finito sotto inchiesta della magistratura. Per evitare che la polizia municipale torni in emergenza, il Comune di Vasto prova a correre ai ripari.

"Stiamo lavorando per trovare una soluzione che ci consenta di mantenere gli stessi livelli d'organico attuali", si limita a dire Gabriele Barisano, assessore alla Polizia locale. 

"La carenza è nota e a ottobre, quando scadrà il contratto degli stagionali, scenderemo a 20", fa i conti il comandante, Giuseppe Del Moro. "Venti unità sono troppo poche. Serve più personale per garantire i servizi relativi alla viabilità, l'ambiente, l'edilizia e il commercio".

Non solo. Cinque vigili si sono tolti la divisa, perché hanno ottenuto il trasferimento in altri uffici del municipio, altri tre avevano presentato nei mesi scorsi un'analoga richiesta. E' il sintomo di un altro problema da risolvere: quello dei carichi di lavoro sulle spalle di un personale troppo esiguo. Con le conseguenti, ormai note, tensioni nei rapporti col comandante [LEGGI]. 

Si è concluso con un nulla di fatto, inoltre, l'iter avviato dall'amministrazione per assumere altri sei agenti, in parte tramite la mobilità volontaria, ossia il trasferimento da altri Comuni, in parte attraverso un concorso. Sulla selezione indetta da palazzo di città, l'opposizione ha sparato a zero, chiedendo trasparenza nelle procedure. Alla fine, l'amministrazione ha deciso, in autotutela, di annullarne l'esito.

Una vicenda su cui la magistratura ha acceso un faro, visto che ad agosto il procuratore di Vasto, Giampiero Di Florio, ha inviato in municipio i finanzieri a sequestrare i documenti. 

Ora Barisano cerca un'altra strada per evitare che, tra qualche giorno, il Comando di piazza Rossetti si svuoti. Al momento, il titolare della delega alla Polizia locale della Giunta Menna non vuole sbilanciarsi. Non anticipa le proposte che avanzerà ai rappresentanti sindacali. La proroga, per quanto difficile, sembra l'unica strada percorribile.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi