"Bolletta dell’acqua: dal 2002 aumenti del 262% ma per Vasto niente lavori alle tubature" - Associazione "Porta Nuova": "Non attuato il 93,7% degli investimenti annunciati"
 
Vasto   Attualità 11/09

"Bolletta dell’acqua: dal 2002 aumenti del 262%
ma per Vasto niente lavori alle tubature"

Associazione "Porta Nuova": "Non attuato il 93,7% degli investimenti annunciati"

Crisi idrica: una scena ricorrente a Vasto durante l'estate"Nel dicembre 2002, ultimo anno della gestione comunale del servizio idrico, una famiglia di 4 persone residente a Vasto avrebbe affrontato, per un consumo di 200 metri cubi annui (il consumo medio stimato in ambito nazionale), una spesa di 128 euro e 16 centesimi (Iva inclusa). La stessa famiglia, mantenendo lo stesso consumo, si troverà quest’anno a spendere – in base alle tariffe Sasi 2017- 336 euro e 52 centesimi. L’incremento è del 262,6%", fa i conti Michele Celenza, presidente dell'associazione civica Porta Nuova.

Un incremento perfettamente in linea con quanto previsto sia dal vecchio Piano d’Ambito del Dicembre 2002 che da quello, aggiornato, del dicembre 2011. In entrambi i Piani gli aumenti tariffari sono ovviamente finalizzati a finanziare un corposo piano di investimenti volto all’ammodernamento di una rete da tutti considerata assolutamente inadeguata, in particolare a Vasto e nel Vastese.

Ora, è noto da fonte ufficiale che, nel periodo 2003-2009 il 93,7% degli investimenti programmati (pari ad oltre 105 milioni di euro) non è stato realizzato. Quello che ai più non era noto, e a noi neppure, è invece quanta parte degli oltre 112 milioni di investimenti previsti dal nuovo Piano d’Ambito per gli anni 2010-2017 sia stata posta in essere e quanta no.

La risposta, almeno per la nostra città - ricorda l'associazione Porta Nuova - ce l’ha fornita di recente lo stesso presidente della Sasi, Gianfranco Basterebbe: 'Su Vasto mancano investimenti dal dopoguerra'.

Bene, allora due domande sorgono spontanee. Primo: a che pro realizzare un piano industriale se esso viene poi sistematicamente disatteso. Secondo: i soldi degli aumenti dove sono finiti?

Martedì 12 settembre, a Vasto, la questione idrica figura tra i punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale. Non ci aspettiamo delle
risposte, ma ci auguriamo di sbagliare.

Sino ad ora, negli anni, solo poche voci in tutta la regione hanno posto la questione nella sua radicalità; e quasi mai sono state voci di politici, ma di tecnici, di giornalisti, di associazioni. I partiti sono troppo compromessi con le gestioni attuali o precedenti per avere interesse a scavare. 

Vedremo. Intanto ricordiamo ai consiglieri che esiste un articolo dello Statuto comunale, l’Articolo 40 (disapplicato da sempre) che riguarda proprio i servizi pubblici locali. Prevede nientemeno che il sindaco indica 'entro il mese di settembre di ogni anno apposite conferenze dei servizi locali per esaminare l’andamento della qualità, quantità, efficienza ed efficacia dei servizi, formulando idonee soluzioni per il miglioramento di essi. A tali conferenze vengono invitate le associazioni e le organizzazioni interessate al servizio […] Le risultanze della Conferenza sono comunicate al Consiglio comunale”.


di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi