"Da Menna e Baccalà scarso rispetto istituzionale e umano" - Scuola civica musicale, la polemica della vicepresidente Nagana Cupaiolo
 
Vasto   Attualità 23/08

"Da Menna e Baccalà scarso
rispetto istituzionale e umano"

Scuola civica musicale, la polemica della vicepresidente Nagana Cupaiolo

Vasto. Un'immagine dei Concerti di mezzanotte (foto Occhiomagico di Costanzo D'Angelo)Parla di "scarso rispetto istituzionale oltre che umano" Nagana Cupaiolo, vicepresidente della Scuola civica musicale di Vasto. 

Il motivo della polemica è la conferenza stampa in cui è stato tracciato il bilancio dei Concerti di mezzanotte“Spiace constatare, ancora una volta . afferma la consigliera d'amministrazione dell'istituzione culturale - lo scarso rispetto, istituzionale oltre che umano, del sindaco di Vasto, Francesco Menna, e del consigliere delegato alla Cultura, Elio Baccalà, che hanno indetto e svolto la conferenza stampa sul bilancio della rassegna, alla quale ha collaborato la Scuola Civica Musicale di Vasto, senzca invitaregli altri consiglieri di amministrazione dell’Istituzione comunale, o quantomeno la sottoscritta, a tutti gli effetti  ancora in carica.

Secondo Cupaiolo, "non è la prima volta che il sindaco mostra di non essere all’altezza del suo ruolo, ma di avere solo ed esclusivamente una smaniadi apparire, cercando di cancellare il lavoro da tutto il consiglio di amministrazione di una Istituzione che merita ben più rispetto. Al di là della mia personale partecipazione o meno alla conferenza stampa, semmai fossi stata invitata, la regola vorrebbe che tutto il Cd’A venisse informato delle iniziative da intraprendere, trattandosi, appunto, di un organo che non vede la presenza di una sola persona, ma di tre. Mi auguro – conclude la vicepresidente – che episodi del genere, irrispettosi oltre che lesivi della immagine di una Istituzione, non abbiano più a ripetersi. Anche in questo caso il primo cittadino ha implicitamente manifestato il fastidio per la eventuale presenzadi una consigliera in quota opposizione all’interno dell’Ente, ma si metta l’anima in pace: è la democrazia".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi