"Luglio ok, hotel pieni ad agosto, ma adeguare l’offerta turistica" - Ferragosto a Vasto, il primo bilancio di Confesercenti
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 15/08

"Luglio ok, hotel pieni ad agosto,
ma adeguare l’offerta turistica"

Ferragosto a Vasto, il primo bilancio di Confesercenti

La spiaggia di Vasto MarinaAlberghi pieni anche sulla riviera di Vasto nella settimana di Ferragosto. "Già tutto prenotato da tempo, tranne qualche camera che gli albergatori avevano riservato al last minute", racconta a Zonalocale.it Simone Lembo, direttore provinciale di Confesercenti che, insieme al presidente locale dell'associazione dei commercianti, Fabio Smargiassi, ha sondato gli umori degli imprenditori turistici. 

Viabilità e controlli - Per l'esodo ferragostano, traffico sostenuto sull'A14, ma non vengono segnalate code dalla centrale operativa della polizia stradale di Vasto Sud, che sorveglia 115 chilometri di autostrada, tra i caselli di Ortona e Poggio Imperiale, e la viabilità ordinaria. Le forze dell'ordine hanno intensificato i controlli fino a domenica.

Confesercenti soddisfatta - "In attesa dei dati ufficiali, che verranno diramati a settembre - precisa Lembo - il clima tra gli operatori turistici è complessivamente positivo: alcuni segnalano incrementi, anche consistenti, altri fanno i conti delle presenze e si attestano sugli stessi livelli dello scorso anno. C'è anche qualcuno che racconta di un leggero decremento. Ma, in media, possiamo già dire che a luglio si è lavorato bene: dai colloqui con gli imprenditori del settore, si evince una crescita degli arrivi e delle presenze rispetto al 2016. Gli operatori che hanno lavorato su promozione e qualità sono stati ripagati. Il bel tempo ha aiutato. E anche qualche appuntamento importante, come le Finali nazionali di basket Under 16 a giugno e il Siren Festival a luglio, che ha creato molto movimento, soprattutto a livello giovanile".

Simone Lembo (Confesercenti)Turisti - "A luglio, la vacanza a Vasto è durata, in media, 4-5 giorni. Ad agosto il periodo di ferie si allunga anche oltre la settimana. Registriamo non solo un turismo di prossimità, fatto di vacanzieri provenienti dalle province limitrofe, ma anche provenienze più varie: Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. E stranieri: francesi, inglesi, belgi e tedeschi. In prevalenza famiglie, ma anche giovani coppie".

"Adeguare l'offerta turistica" - "L'offerta turistica deve cambiare al fine di creare una destinazione turistica da promuovere: la Costa dei Trabocchi e non la singola città, o il singolo paese. Il turista è sempre connesso: tramite Internet, si informa prima di scegliere, prima di partire e, anche quando si trova sul luogo che ha scelto per le sue vacanze, valuta i luoghi da visitare e dove mangiare. Molti chiedono informazioni su come raggiungere le Isole Tremiti, la Riserva di Punta Aderci e la montagna. Sono informati sui luoghi e sui prodotti tipici. L'obiettivo per il futuro è mettere in rete le eccellenze del territorio, modificando l'offerta turistica: molti albergatori, ad esempio, si stanno rendendo conto di non poter offrire solo la pensione completa, perché il turista ama visitare tanti luoghi e provare le specialità enogastronomiche di cui questo territorio è ricco". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi