Allagamento in area Sic, Laudazi: "Errato il Piano di gestione" - L’intervento del consigliere de Il Nuovo Faro
 
Vasto   Politica 05/08

Allagamento in area Sic, Laudazi:
"Errato il Piano di gestione"

L’intervento del consigliere de Il Nuovo Faro

Edmondo Laudazi"È paradossale osservare come l'amministrazione comunale di Vasto, in ragione ai recenti allagamenti che hanno interessato l’area del Sic 109 di Vasto Marina, si sia svegliata dal torpore e si sia resa conto che i numerosi scoli di bonifica che sono tappati dalla barriera dunale, non sono compatibili con la corretta utilizzazione del litorale Sud della nostra Città o con la stessa presunta valorizzazione e con la difesa del pregevole ambiente protetto". Così il consigliere comunale de Il Nuovo Faro, Edmondo Laudazi, dopo le precisazioni in merito del sindaco Francesco Menna [LEGGI QUI].

"La verità - scrive Laudazi - è che l'intera progettazione del Piano di gestione del Sic 109, nell’ambito della Riserva Regionale di Vasto Marina, redatta sulla base di cartografie obsolete e piene di errori, non ha tenuto conto dei bisogni delle decine di migliaia di cittadini che vivono a ridosso delle aree erroneamente perimetrate – che devono accedere liberamente alle spiagge - e delle esigenze degli operatori turistici, che sono stati progressivamente soffocati da divieti assurdi che impediscono la seppur mimima, ordinaria manutenzione. Queste procedure e questi atti errati devono essere, se non annullati, certamente  e profondamente cambiati. [...] Deve essere assicurata la riapertura di tutti gli accessi al mare ostruiti, realizzato un collegamento viario nella direttrice nord sud per favorire gli spostamenti, ripristinata la funzionalità di tutti gli scoli di bonifica e garantito un normale livello di igienicità al territorio che si intenderebbe  – ma solo a chiacchiere – preservare e proteggere: basti pensare che le acque piovane concimate, non fatte defluire a valle della pista ciclabile, si depositano sulla condotta fognante che insiste nei medesimi luoghi per capire come la manifestata superficialità e la mancanza di competenza rischino di produrre guasti e danni notevolissimi. Altro che prelievi a monte della ss16 sulla qualità delle acque, altro che difesa della biodiversità! Occorrono interventi urbanizzativi profondi".

Quindi la proposta: "Si affidi la gestione e il controllo ad operatori - pubblici e/o privati - in grado di investire sul litorale, per garantire e promuovere la massima utilizzazione degli arenili, un migliore  sviluppo economico sociale e la migliore salvaguardia ambientale. Probabilmente la Giunta comunale, inefficiente e confusa, ha la necessità di autocelebrarsi in contesti  ovattati e solo tra  amici di parte o di partito, evitando il confronto. Cerchi , invece,  il necessario sostegno e si procuri proposte e soluzioni innovative per una città che, giorno dopo giorno, scivola sempre più in basso sotto il profilo economico e morale e per la quale occorre impegnarsi, tutti insieme, al fine di poterla risollevare".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi