Premio Vasto, al via la 50^ edizione - Nelle Scuderie di Palazzo Aragona la mostra d’arte contemporanea
 
 
 

Vasto   Cultura 23/07

Premio Vasto, al via
la 50^ edizione

Nelle Scuderie di Palazzo Aragona la mostra d’arte contemporanea

Premio Vasto 2017: una delle opere esposteVernissage ufficiale per il Premio Vasto. La 50^ edizione si è aperta ufficialmente ieri a Palazzo Aragona, sede della mostra d'arte contemporanea, "la terza più longeva d'Italia", ha tenuto a sottolineare Daniela Madonna, curatrice di una delle due sezioni della mostra, che ha partecipato alla cerimonia d'inaugurazione insieme all'altra curatrice, Silvia Pegoraro, al patron dell'evento, Roberto Bontempo, e al sindaco di Vasto, Francesco Menna.

Mezzo secolo di Premio VastoCollezionando nel tempo: è il titolo dell'edizione 2017 della mostra d'arte contemporanea. Inaugurata ieri, rimarrà aperta al pubblico fino all'8 ottobre nelle Scuderie di Palazzo Aragona.

"Il Premio Vasto - spiega Daniela Madonna - punta a coinvolgere il territorio, non vuole essere autoreferenziale. E vuole raggiungere questo scopo attraverso didattica e visite guidate. Spesso incontriamo giovani che non hanno mai visto un museo, o una mostra. Nel Premio Vasto lo stupore del collezionista, che passa in rassegna i capolavori acquisiti negli anni, diventa un'emozione condivisa con il pubblico dei visitatori di oggi. Le teche si schiudono, i quadri e le culture si mostrano, rivelando orizzonti di senso, i valori estetici fluiscono in un circolo virtuoso che muta l'incontro celebrativo in dialogo propositivo. L'eposizione - spiega Daniela Madonna - racchiude due sezioni: la prima, che ho curato in prima persona, presenta alcune delle acquisizioni riunite dal Premio Vasto nella sua storia pluridecennale e destinate a essere accolte in modo permanente, sin dagli intenti iniziali della manifestazione, nei Musei civici della città. La seconda sezione, a cura di Silvia Pegoraro, estrapola da preziose collezioni abruzzesi testimonianze di grande rilievo dell'arte moderna e contemporanea, con l'apporto delle opere di grandi maestri - da Balla e De Chirico, a De Pisis, da Burri a Tàpies, da Ceroli a Schifano - tra cui numerosi e importanti inediti".

Il censimento - Il cinquantesimo compleanno dell'evento dedicato all'arte contemporanea ha fornito anche l'occasione di fare un censimento delle varie opere pittoriche "che erano - racconta Daniela Madonna - sparpagliate in vari uffici comunali e ora sono state raggruppate". Venti di queste verranno esposte alle Scuderie D'Avalos. "E' stato - racconta D'Annunzio - un lavoro analogo a quello già svolto per i quadri di Juan Del Prete. Spero che questa nuova amministrazione investa di più in cultura, perché investire nella cultura dà ottimi frutti".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi