Rotary Vasto, passaggio del martelletto tra Rastelli e Lalla - Venerdì scorso la cerimonia di ingresso del nuovo presidente
 
 
 

Vasto   Attualità 02/07

Rotary Vasto, passaggio del
martelletto tra Rastelli e Lalla

Venerdì scorso la cerimonia di ingresso del nuovo presidente

Il nuovo direttivoUna bella serata vissuta nel segno dell’amicizia e dei valori più autentici del Rotary. Così si può sintetizzare l’evento del Passaggio del Martelletto, vissuto venerdì 30 giugno, presso la sede sociale dai soci, familiari, autorità rotariane (tra cui i pasto-governor Riccardo Marrollo e Francesco Ottaviano, l’assistente del Governatore Antonella Marrollo e alcuni presidenti degli altri club rotariani) e da tanti amici del Presidente entrante.

E’ stato il nuovo prefetto del club Luca Mastrangelo a presentare i graditi ospiti e a dare la parola al Presidente uscente, Gen. Gianfranco Rastelli, il quale, attraverso alcune significative slide ha presentato le principali attività svolte durante l’anno rotariano 2016-2017: il Caffè Alzheimer; il Premio Arti e Mestieri; il sostegno oncologico; l’aiuto al Centro donne partorienti del Congo; l’Istituto Culturale Rotariano Italiano; il Convegno sulla Sicurezza e Legalità; il Centenario della Fondazione Rotary; lo sviluppo della Cultura nel territorio con il convegno di San Salvo su “come creare e conservare ambienti di lavoro sicuro” e la manifestazione a Casalbordino con il progetto “Scuola senza zaino” e ricordo di E. Mattei; la presenza al Premio Nazionale Histonium di Poesia e Narrativa 2016, dove è stato approfondito il tema rotariano “Servire gli altri al di sopra di ogni interesse”; la partecipazione al Rotary Campus di Roseto degli Abruzzi (Te), dove la diversità diventa sempre una ricchezza; il dono della riproduzione fotografica dei quadri, un tempo affissi nella Chiesa di S. Teodoro; la conferenza per le Scuole Superiori di Vasto del prof. Franco Rebellato sul tema “Come orientarsi nella tempesta globalizzata” e quella del dott. Giorgio Di Domenico sui 50 anni di “Vasto Domani”; la visita alla Cantina Sociale di Pollutri e il 18° Incontro con il vino novello a Vidorni di Casalbordino; il 2° Torneo di bocce “Lui & Lei”; il progetto di “Giornalismo e Scuola inclusiva” presso la Rossetti di Vasto; la gita alla Fonderia delle campane Marinelli e l’interclub con Agnone; la partecipazione al XXXIII congresso distrettuale, celebratosi a Chieti il 24 giugno.

A conclusione del suo intervento, il Presidente Rastelli ha rivolto ai presenti queste intense espressioni di commiato: “Amici rotariani del Club di Vasto, lascio oggi l’incarico di Presidente  dell’anno rotariano, che avevo assunto il due luglio 2016. Sono stati per me 12 mesi di lavoro continuo appassionante, che voi amici rotariani del Club di  Vasto avete contribuito a rendere significativo e proficuo. Ho visto l’orgoglio e la disponibilità, con cui avete offerto la vostra partecipazione, giorno dopo giorno, nella realizzazione dei nostri progetti, sfide che voi tutti avete contribuito a rendere, in modo significativo, proficue. Vi ho visto agire con la consapevolezza di essere per la gente del territorio vastese un punto di riferimento cui dirigersi, operando con un unico credo, l’amore nel servire. Un particolare ringraziamento al nostro Socio Monsignor Don Decio D’Angelo, per lo straordinario spirito costruttivo con cui ci ha assistito e per la fattiva collaborazione offertami. Alle nostre famiglie, che hanno condiviso con noi soddisfazioni e ansie rivolgo il mio affettuoso e grato saluto. Al Presidente Christian Lalla, che mi sostituisce  nell’incarico, il mio beneagurante saluto di poter operare, insieme a Voi, con la stessa fortuna  che ci ha assistiti  in questi ultimi dodici mesi. Al Rotary e al nostro Club il mio devoto saluto di rotariano. Viva il Rotary Club di Vasto”. Rastelli è passato, quindi, a consegnare ai suoi più stretti collaboratori alcuni omaggi con un sentito grazie per il lavoro svolto e ad insignire con il massimo riconoscimento rotariano, “il Paul Harris”, la dott.ssa Claudia Sacchet, Specialista in Geriatria e Gerontologia, per l’impegno profuso nel tenere gli incontri formativi per il “Caffè Alzheimer”.

E’ seguita la Cerimonia del Passaggio del Martelletto, con il primo discorso ufficiale del neo Presidente Christian Lalla che ha detto, in particolare:  “Lavorerò per il bene comune, lavorerò mettendo in campo azioni che possano migliorare la vita di chi è meno fortunato di noi, lavorerò per dare una speranza di pace e di amore a chi vive ai margini della società. Farò tutto questo con il cuore, con coraggio, consapevole che il mio nord saranno sempre i valori alla base del Rotary International: amicizia, pace, amore, tolleranza, accoglienza e diversità. Sono orgoglioso di essere un rotariano e come nuovo Presidente del Rotary Club Vasto sarò garante di questi valori”.

Lalla ha presentato i membri del suo Direttivo ed i Presidenti di Commissione e li ha ringraziati per la disponibilità a lavorare per attuare i progetti per questo nuovo anno rotariano 2017-2018. Nel corso della cerimonia sono stati consegnati dal past Governor Francesco Ottaviano anche quattro attestati di Benemerenza distrettuale, inviati dal Governatore Paolo Raschiatore per il “costante impegno profuso durante l’anno rotariano”: al Presidente Gianfranco Rastelli, al segretario Luigi Medea, a Carlo Paganelli, Direttore della Sottocommissione Sviluppo delle Economie Locali e a Christian Lalla, componente della Sottocommissione Relazioni Pubbliche e della Sottocommissione Comunicazione Web e Multimedia.

Luigi Medea

Guarda le foto

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi