Da Vasto a Torino di Sangro per spacciare: un arresto - Sequestrati quasi due chili di stupefacente
CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 30/06

Da Vasto a Torino di Sangro per
spacciare: un arresto

Sequestrati quasi due chili di stupefacente

Lo stupefacente sequestrato

Faceva la spola dalla propria abitazione nella periferia di Vasto alla pineta di Torino di Sangro. Le fiamme gialle hanno effettuato un arresto e il sequestro di quasi due chili di marijuana e relative piantine in vasi di terracotta; il tutto avrebbe fruttato 18mila euro.

Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza, il soggetto coinvolto raggiungeva la pineta in località "Le Morge" con il proprio scooter e qui avveniva la vendita delle dosi. Le forze dell'ordine lo hanno così seguito individuando il casolare e procedendo alla perquisizione che ha portato alla scoperta non solo dello stupefacente, ma anche delle piantine e di tutta l'attrezzatura necessaria.

Così le fiamme gialle ricostruiscono l'operazione denominata Smoking Pots:

"Importante operazione effettuata dalle fiamme gialle vastesi che hanno posto sotto sequestro 1,8 kg di sostanza stupefacente di tipo marijuana scoperta all’interno di un casale situato nella periferia di Vasto.

Da diverso tempo i militari della compagnia della guardia di finanza di Vasto stavano infatti monitorando le frequenti movimentazioni di persone che, con atteggiamenti furtivi, entravano e subito uscivano da una pineta antistante gli stabilimenti balneari della riviera di Torino di Sangro, località Le Morge. In particolare veniva individuata la assidua presenza di un soggetto, di nazionalità italiana, il quale, spostandosi a bordo di uno scooter e muovendosi con molta circospezione, si recava continuamente dalla pineta alla propria abitazione e viceversa, lasciando presagire che potesse essere il corriere addetto alla cessione delle dosi di stupefacente.

L’ipotesi è stata confermata nel corso della successiva, approfondita perquisizione condotta presso l’abitazione dello stesso, situata nella periferia vastese, dove i finanzieri hanno rinvenuto, abilmente occultata all’interno di una stanza adibita a magazzino, un bilancino di precisione digitale, materiale per il confezionamento ed una scatola di cartone contenente sostanza stupefacente di tipo marijuana già essiccata e pronta per essere immessa sul mercato illecito. All’esterno dell’abitazione, e precisamente nel terreno antistante, i militari hanno rinvenuto anche tredici piante di cannabis all’interno di vasi di terracotta. Dopo una attenta analisi si constatava che le piantine risultavano essere una potente varietà di canapa sativa in fioritura derivante dalla combinazione di diverse specie provenienti da svariate scuole di coltivatori di cannabis del continente europeo.

Il quantitativo complessivo di sostanza stupefacente sequestrata, pari a circa 1,8 kg, che sul mercato avrebbe fruttato circa 18.000,00 €, è stata inviata presso i laboratori dell’ARTA di L’Aquila per le analisi quantitative e qualitative al fine di riscontrare il principio attivo. Il responsabile della coltivazione è stato tratto in arresto in violazione dell’art. 73 del D.P.R. 309/90 e condotto presso la Casa Circondariale di Vasto. Le indagini sono ancora in corso al fine di individuare una possibile illecita filiera. La lotta al traffico di sostanze stupefacenti costituisce una priorità per il Corpo e,proprio con l’arrivo della stagione estiva e l’afflusso di turisti, le fiamme gialle di Vasto intensificano le attività di prevenzione e repressione nello specifico settore".7

L'arresto non è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Vasto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi