"Piano spiaggia dimenticato: atto di cattiva amministrazione" - D’Alessandro (Vasto2016): "Serve una totale revisione"
CHIUDI [X]
 
 
 

Vasto   Politica 09/06

"Piano spiaggia dimenticato:
atto di cattiva amministrazione"

D’Alessandro (Vasto2016): "Serve una totale revisione"

Davide D'Alessandro (Vasto2016)"Ci troviamo di fronte all’ennesimo esempio di cattiva amministrazione, di lungaggini burocratiche, di scuse accampate e di continuità amministrativa, poiché il sindaco Menna, ad un anno dal suo insediamento, non ha ancora avuto il coraggio di tirar fuori dal cassetto il dormiente piano spiaggia". Davide D'Alessandro torna nell'agone politico e, a una settimana dal rientro in Consiglio comunale dopo le dimissioni di Nicola Del Prete, critica l'amministrazione di centrosinistra dopo che il Tar ha dichiarato decaduta la variante al Piano spiaggia.

"La notizia della sentenza del Tar riguardante il piano demaniale marittimo comunale, che sancisce la decadenza delle norme di salvaguardia relative alla variante approvata dal Consiglio comunale nel 2011, se coglie impreparata l’amministrazione comunale, in me non suscita alcun tipo di stupore.

È da anni, infatti, che abbiamo cercato di sollecitare l’amministrazione all’adozione del piano spiaggia, strumento di fondamentale importanza per la pianificazione del litorale e, ovviamente, dei servizi al turismo. Addirittura, nel 2012, proponemmo una delibera per spronare l’allora Giunta Lapenna ad accelerare l’iter di approvazione finale del piano. E durante gli interventi, evidenziammo come le norme di salvaguardia avessero un tempo di validità limitato".

Il Piano del demanio marittimo dovrà, quindi, tornare in Consiglio comunale per completare l'iter di approvazione, rimasto fermo per sei anni. E', infatti, all'ordine del giorno della seduta del 16 giugno. 

"Ci auguriamo ora che l’amministrazione, giudicata dal Tar, non voglia mettere in essere provvedimenti che andrebbero a compromettere la pianificazione del litorale: è del tutto evidente, infatti, che il piano spiaggia sia ormai obsoleto e necessiti di una totale revisione, anche in funzione della Via Verde. Speriamo - conclude D'Alessandro - di non trovarci di fronte ad atti amministrativi confezionati con fretta per mettere pezze a colori, ma che si apra un confronto di ampio respiro sul futuro della nostra amata costa".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi