"Movida insicura a Vasto, ma l’amministrazione non fa nulla" - Interpellanza di Suriani, Prospero e D’Elisa. E in centro un altro scippo
 
Vasto   Cronaca 29/04

"Movida insicura a Vasto,
ma l’amministrazione non fa nulla"

Interpellanza di Suriani, Prospero e D’Elisa. E in centro un altro scippo

Centro di Vasto, piazza RossettiGarantire la tranquillità della vita notturna nelle zone maggiormente frequentate dai giovani. Con l’arrivo della primavera e l’estate che si avvicina, gli inquietanti episodi delle ultime settimane fanno riemergere il problema della sicurezza, anche riguardo alla movida serale.

Una questione che tre consiglieri comunali di centrodestra, Vincenzo Suriani (Fratelli d’Italia), Francesco Prospero (Progetto per Vasto) e Alessandro D’elisa (Gruppo misto) porteranno nell'Aula Vennitti nella prossima seduta del Consiglio quando, attraverso un’interpellanza, chiederanno al sindaco “se intende rimediare in qualche modo a questa carenza di sicurezza percepita e denunciata da molti giovani vastesi e se intende ripristinare il turno di notte della polizia municipale, almeno nelle sere di sabato e dei festivi, al fine di scoraggiare i fenomeni di delinquenza”

“L’ultimo periodo di vacanze pasquali – fanno notare i tre esponenti dell’opposizione - ha registrato un picco massimo di atti criminosi, in qualsiasi orario della giornata. La nostra città ha visto addirittura la realizzazione di un episodio dinamitardo durante la notte, in una zona di certo non periferica.

Oltre agli episodi che sono stati ampiamente riportati dagli organi stampa, molto sono rimasti in ombra e si sono venuti a conoscere tramite il passaparola. Le vittime di questi episodi nascosti sono i nostri giovani, che hanno denunciato attività di tentata rapina e aggressioni in pieno centro, in prossimità di locali molto frequentati ed in orari che registrano un’elevata presenza di persone a passeggio.

Non è possibile che questi atti criminosi avvengano in orari in cui la notte è ancora giovane, in momenti in cui è alta anche la presenza di famiglie con minori.

I nostri ragazzi non si sentono più al sicuro, non hanno più il coraggio di avventurarsi da soli, in determinati orari, in alcune zone del centro storico.

L’amministrazione è chiamata a porre in essere interventi concreti che permettano di diminuire la percezione di insicurezza da parte dei nostri concittadini, che portino ad un aumento del numero dei tutori dell’ordine.

Il prefetto, insieme al sindaco, non può far più finta che tutto procede per il verso giusto. E’ necessario che per una volta si decida di prevenire, invece di preoccuparsi sempre di curare, i danni causati da una mancata sorveglianza, danni subiti sia da commercianti che si sono ritrovati vetrine distrutte e sia dai nostri ragazzi che sono intimoriti e spaventati nella loro città natale”.

Scippo in centro – Alla serie di reati commessi nelle ultime tre settimane nel centro di Vasto, si aggiunge anche lo scippo subito da A.D.R., una donna di 58 anni, mercoledì scorso, nel primo pomeriggio: è stata strattonata da un giovane che aveva il volto parzialmente coperto da un cappuccio e l’ha fatta cadere a terra, rubandole la borsetta, dentro cui c’erano effetti personali. La donna è stata medicata dai sanitari del Pronto soccorso dell’ospedale San Pio da Pietrelcina

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi