A 30 anni dalla morte omaggio all’arte di Juan Del Prete - Il 29 aprile sarà inaugurata la mostra a palazzo d’Avalos
 
Vasto   Cultura 22/04

A 30 anni dalla morte omaggio
all’arte di Juan Del Prete

Il 29 aprile sarà inaugurata la mostra a palazzo d’Avalos

Sarà inaugurata sabato 29 aprile 2017 alle ore 17.00 nella Pinacoteca di Palazzo d’Avalos la mostra “Juan Del Prete. Libertà e Sperimentazione”, dedicata all’artista nato a Vasto nel 1897, emigrato in Argentina con la famiglia nel 1909 e morto a Buenos Aires nel 1987. Nel 1977, in occasione di un viaggio in Italia, Del Prete donò alla città di Vasto un co cospicuo nucleo delle sue opere. 

"La mostra, a cura delle storiche dell’Arte Silvia Bosco e Sara Pizzi, promossa dal Comune di Vasto e realizzata in collaborazione con la Cooperativa Archeologia e la Cooperativa Zoe, intende rendere omaggio al maestro, artista vastese tra i protagonisti indiscussi dell’arte latinoamericana del Novecento e precursore dell’arte astratta in Argentina. La ricorrenza dei trenta anni dalla sua morte si è presentata come un’occasione imperdibile per esporre al grande pubblico le opere donate da Juan Del Prete alla sua città

La raccolta comprende opere realizzate durante l’intero arco della sua carriera artistica dagli anni ’20 agli anni ’70, e l’allestimento ripercorre la vita di Del Prete tra opere che costituiscono una sorta di intreccio, ricco di rinvii e di linguaggi formali diversi e complementari tra loro. Si possono ammirare, così, invenzioni pittoriche e scultoree, ora ardite e caotiche, ora pure e geometriche, che l’artista ha incessantemente sperimentato durante la sua lunga carriera, in un’esplosione di colore che accende le sale di Palazzo d’Avalos. 

Le opere selezionate, tra le più rappresentative della sua eclettica produzione, sono disposte secondo un criterio cronologico e intendono sottolineare il costante desiderio di sperimentare e rielaborare materiali, stili e tecniche Nell’atto di donazione Juan Del Prete scriveva di voler lasciare le sue opere alla città di Vasto “perché questa voglia ricordare in lui il figlio che si è consegnato all’arte nel nome e per il prestigio di questa terra”. La mostra è allestita nelle sale del Quarto delle Marchesa che comprende ora anche nuovi spazi  recentemente restaurati".  

Nella giornata d'inaugurazione, dopo i saluti del sindaco Francesco Menna, seguiranno gli interventi di Nunzio Pascarella de Capoa, già Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires, Emiliano Longhi, già Direttore degli Istituti Italiani di Cultura, Silvia Bosco, storica dell’arte e curatrice della mostra, Sara Pizzi, storica dell’arte e curatrice della mostra, Gabriella Izzi Benedetti, scrittrice e critico letterario. Modererà la giornalista Paola Cerella

Gli interventi saranno intervallati da esecuzioni musicali di Maria Del Bianco al pianoforte e Domenico D’Annunzio alla fisarmonica e dall’esibizione dei tangueri Giovanna Paola Bellafronte e Giustino De Simone. 

La mostra rimarrà in programmazione fino al 31 dicembre 2017.
Ingresso alla mostra € 2,00 - Ingresso mostra e musei € 5,00

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi