Minacce di morte e violenza in centro: quattro denunciati - Concluse le indagini sull’episodio avvenuto a febbraio in piazza Pudente
 
 
 

Vasto   Cronaca 04/04

Minacce di morte e violenza
in centro: quattro denunciati

Concluse le indagini sull’episodio avvenuto a febbraio in piazza Pudente

Fabio CapaldoQuattro denunciati per l'aggressione avvenuta in piazza Pudente, nel centro di Vasto, nella notte tra il 25 e il 26 febbraio [LEGGI]. Quattro giovani, tra cui un minorenne, sono accusati di lesioni personali in concorso, violenza privata e minacce aggravate.

La ricostruzione dei fatti - Alcuni amici stavano trascorrendo un sabato sera in compagnia, "quando tre giovani si erano avvicinati e avevano iniziato a minacciarli di morte e a proferire ingiurie nei loro confronti, senza alcun motivo", ricostruisce i fatti il commissario capo Fabio Capaldo, dirigente del Commissariato di Vasto.

"I tre avevano anche insistito affinchè uscissero dal locale e, in caso contrario, li avrebbero aspettati fino a fine serata per mettere in atto le loro intenzioni.

Spaventati, i ragazzi si erano intrattenuti nel locale fino all’ora di chiusura, sperando di farli desistere dal loro intento ma, una volta fuori, venivano accerchiati e picchiati violentemente con pugni e calci.

Nonostante i tentativi di allontanarsi per proteggere anche le due ragazze presenti nel gruppo, i tre li avevano raggiunti, bloccati e aggrediti con tale violenza da lasciarli a terra feritiPer le lesioni riportate, uno di loro è stato trasportato in ospedale con l’ambulanza del 118, nel frattempo arrivata sul posto; mentre, gli altri sono comunque andati nel nosocomio vastese per le cure del caso.

Gli operatori della Squadra volante intervenuti, dalle dichiarazioni rese dalle vittime nell’immediatezza dei fatti, avevano appreso che uno degli aggressori era noto alle forze dell’ordine. Attraverso l’estrapolazione delle immagini dal circuito di videosorveglianza in dotazione al locale e di quelle del sistema urbano, esterne al locale, la polizia ha ricostruito l’episodio.

Uno degli aggressori è stato identificato per P.L.D., di origini straniere ma con cittadinanza italiana, di 27 anni", già noto alle forze di pubblica sicurezza per "reati contro il patrimonio, maltrattamenti in famiglia, danneggiamento, ingiurie, minacce, ricettazione, rissa, lesioni e guida in stato di ebrezza.

Ulteriori e minuziose indagini sono state esperite al fine di identificare gli altri componenti del gruppo, che sono stati identificati in L.A., 24 anni, di Pescara", anche lui già conosciuto dalle forze dell'ordine. "In particolare, la sua identificazione è stata facilitata anche dalla presenza di alcuni tatuaggi impressi sul braccio. Infine, gli altri due, D.P.A. di 24 anni e un minorenne, fratelli e incensurati, dovranno ora rispondere, unitamente ai complici, del grave reato di lesioni personali in concorso, violenza privata e minacce aggravate". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi