"Il progetto di variante era nel nostro Piano strategico" - Menna: "L’opposizione aveva votato contro e oggi vuole quel progetto"
CHIUDI [X]
 
 
 

Vasto   Politica 03/04

"Il progetto di variante era nel
nostro Piano strategico"

Menna: "L’opposizione aveva votato contro e oggi vuole quel progetto"

La conferenza stampaAl termine del Consiglio comunale di oggi, conferenza stampa del sindaco Francesco Menna e della sua maggioranza, presente in forze all'incontro, per rivendicare il lavoro svolto per la variante alla statale 16, con il documento votato all'unanimità del Consiglio comunale che indirizza l'Anas a lavorare per una variante "a monte", come previsto da un vecchio progetto provinciale, senza interessare Vasto Marina con lavori che siano di gallerie o sopraelevazioni. "Si tratta di un ottimo risultato - ha sottolineato il sindaco Menna - reso possibile dal Piano strategico della Macroarea Vasto-San Salvo. Registriamo l'inversione di tendenza dell'opposizione che quel Piano aveva contrastato".

"All'interno dello stesso Piano - ha aggiunto il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Forte - si prevede anche la realizzazione di un Polo d'infanzia individuato nell'ex asilo Carlo Della Penna, a dimostrazione dell'oculatezza dell'operato della precedente amministrazione". Il presidente Forte ha poi colto l'occasione di togliersi qualche sassolino dalla scarpa: "Ci è stato detto (Laudazi) che ci portiamo sulla coscienza i tre morti in mare di Punta Penna (in realtà i morti furono due nell'agosto del 2016, un terzo bagnante fu tratto in salvo, ndr). Si specula sulle tragedie che non dipendono certo dall'amministrazione, mentre siamo stati noi a valorizzare quella zona che oggi porta visitatori anche negli hotel e nelle case in affitto della città. Non siamo stati noi a portare l'acido solforico a Punta Penna o i comignoli da cui esce aria inquinata che quando c'è vento fa scappare i bagnanti dalla spiaggia". Un richiamo all'opposizione anche per la precedente conferenza stampa [LEGGI QUI]: "È stato scorretto impegnare i giornalisti nella Sala del Gonfalone mentre era ancora in corso il Consiglio, sottraendo gli stessi giornalisti al dibattito in Aula".

Critiche anche da parte della vicesindaca Paola Cianci, che ha bacchettato l'opposizione per l'uscita dall'Aula sui punti inseriti "con urgenza" all'ordine del giorno relativamente al Parco della Costa teatina (sollecitazione alla firma del decreto) e all'impianto di leganti idraulici a Punta Penna (richiesta di impegno a sindaco e Giunta per la vicinanza alla Riserva).

A margine gli interventi dei consiglieri Marco Marra e Nicola Tiberio che hanno rivendicato il lavoro svolto sulla variante alla statale 16 e per l'acquisizione dell'ex asilo Carlo Della Penna.

di Natalfrancesco Litterio (n.litterio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi