Per Nicolas Cupaioli esordio sfortunato ad Aragon - È iniziata l’avventura del 16enne vastese nel mondiale Supersport 300
 
Vasto   Sport 02/04

Per Nicolas Cupaioli
esordio sfortunato ad Aragon

È iniziata l’avventura del 16enne vastese nel mondiale Supersport 300

Nicolas CupaioliÈ stato accompagnato dalla cattiva sorte l'esordio di Nicolas Cupaioli nel mondiale Supersport 300, nuova categoria della Superbike. Il 16enne pilota vastese del team 3Enne Racing ad Aragon non è riuscito a entrare nella griglia per la gara di oggi dopo un weekennd segnato dalla sfortuna.

In Spagna i piloti della Supersport 300 non hanno potuto svolgere prove libere, con inevitabile vantaggio per i team con maggiori risorse a disposizione che, durante l'inverno, hanno potuto effettuare test sui circuiti del campionato. Nel corso della prima prova cronometrata Cupaioli ha dovuto fare i conti con la sostituzione del transponder per rilevare i tempi con quello fornito da Dorna. Il transponder, però, non era correttamente funzionante, obbligando il pilota ad una nuova sosta che gli ha lasciato la possibilità di effettuare appena 3 giri. 

Nella seconda sessione di prove Cupaili è sceso in pista sotto il diluvio, riuscendo a centrare il 17° tempo che lo vedrebbe qualificato. "Spingo ancora - racconta lui - ma una ruota tocca l'erba sintetica extra circuito e la caduta è rovinosa". A quel punto, però, esce il sole e i tempi degli altri piloti si abbassano mentre lui, con la moto danneggiata non può tornare in pista per un nuovo tentativo. 

A complicare la situazione ci sono interpretazioni regolamentari controverse da parte dei giudici visto che al pilota vastese viene negata la possibilità di tentare l'assalto alla qualifica nella Superpole 1 mentre viene concesso a diversi piloti di gareggiare sub iudice nonostante irregolarità nelle moto emerse nel corso dei controlli. 

"Evito di commentare - scrive Nicolas sulla sua pagina facebook - ma resta l'amarezza per quanto accaduto. Mi scuso con tutti quelli che volevano seguirmi in TV e con quelli che mi stanno incoraggiando. Speravo in un inizio diverso ma sono fiducioso di poter fare un buon lavoro e migliorare. Darò sempre il massimo, nonostante tutto, perché conosco il mio obiettivo e lo raggiungerò".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi