La figura di Adelio Tilli nel libro di Nicolangelo D’Adamo - Venerdì la presentazione al Teatro Rossetti
 
 
 

Vasto   Cultura 21/03

La figura di Adelio Tilli nel
libro di Nicolangelo D’Adamo

Venerdì la presentazione al Teatro Rossetti

La locandinaSarà presentato venerdì 24 marzo alle ore 17, presso il Teatro Rossetti, il volume di Nicolangelo D’Adamo dal titolo Adelio Tilli: poesie, saggi brevi, bozzetti, articoli, discorsi. Il volume, pubblicato da Il Torcoliere in occasione del centenario della nascita del noto preside e poliedrico uomo di cultura, riassume l’intera sua produzione letteraria ancora inedita.

Dopo i saluti del sindaco Francesco Menna, sono previsti gli interventi del professor Gianni Oliva e dell’avvocato Giuseppe Tagliente ed una conclusione del preside D’Adamo, autore del volume. L’incontro sarà moderato dal giornalista Nicola D’Adamo.

Adelio Tilli (1917-2009) è stato ottimo educatore e preside, studioso, critico, giornalista, cultore di classicità, di storia e di tradizioni patrie, poeta elegante e profondo, autore di testi per canti dialettali. Ma su tutto emerge la sua passione per Dante sul quale ha scritto una magistrale analisi critica delle strutture della Divina Commedia, nonché un’originale presentazione del credo politico di Dante. Quand’era in vita pubblicò due romanzi Presagio di Prima estate (1978) e 2Deserti 1Miraggio (1999); e due raccolte di poesie Humillima (1946) e Photocarmina (1974). Nel volume di Nicolangelo D’Adamo viene ora raccolto il resto della sua ampia e variegata produzione. L’intero materiale inedito è stato diviso in capitoli tematici per facilitarne la fruibilità da parte del lettore: dopo la biografia, una carrellata sulle 4 opere edite, poi il Tilli Preside e gli scritti su Fraine, il suo paese natale, e quindi i testi per le canzoni, l’emigrazione, le poesie d’occasione, i discorsi, articoli, saggi brevi e l’ampio studio sulla Divina Commedia e sull’uomo Dante.

"Adelio Tilli non fu solo un ottimo Preside – commenta l’autore Nicolangelo D’Adamo - ma fu anche uno studioso attento del suo territorio; ha scritto in prosa e in poesia, spesso usando un dialetto curatissimo. Ha pubblicato pagine di notevole importanza critica sull’uso del dialetto. Ha collaborato con i musicisti vastesi Polsi, Zaccardi e Piccolotti, scrivendo ottimi testi per le canzoni folkloristiche del tempo che trovarono una degna tribuna nel Festival della Canzone Abruzzese e Molisana (1955-1963). Partecipò anche alla fase preparatoria e all’organizzazione del Gemellaggio Vasto/Perth. Ma il meglio di sé Tilli lo diede nella ricerca storica e letteraria, lasciandoci pagine di grande pregio scientifico, pur con un linguaggio spesso molto aulico e datato. Del resto lui non fece mai mistero delle sue preferenze letterarie che se partono da Dante ed attraversano il Poliziano e il Manzoni, non si spingono oltre Carducci e, in parte, Gabriele D’Annunzio, ma di quella Letteratura Alta conosceva ogni segreto e soprattutto ne maneggiava con disinvoltura gli strumenti tecnici".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi