Lutto: è venuto a mancare Alberto Berloni, patron della Ecofox - Mercoledì i funerali a Mombaroccio (Pesaro Urbino)
 
Vasto   Cronaca 13/02

Lutto: è venuto a mancare Alberto
Berloni, patron della Ecofox

Mercoledì i funerali a Mombaroccio (Pesaro Urbino)

LuttoSi svolgeranno mercoledì prossimo a Mombaroccio (Pesaro Urbino), presso il Santuario del Beato Sante alle 10, i funerali del commendatore Alberto Berloni, industriale pesarese legato all’Abruzzo e in particolare alla Ecofox di Vasto. Con le sue aziende ha contribuito al restauro di monumenti storici e sponsorizzazioni, in ambito sportivo e culturale. Da ricordare il supporto alla società di basket di Vasto e in ambito motociclistico, il sostegno a un emergente Valentino Rossi e al compianto Marco Simoncelli.

Alberto Berloni era nato a Cartoceto (Pesaro e Urbino) nel 1926 e nel giugno del 1943, iniziò a lavorare nell’azienda del padre, Dario, il quale nel 1924 aveva avviato un’attività per la commercializzazione di combustibili e carburanti. In particolare, Alberto seguì la lavorazione delle sanse (residuo spremitura olive) da cui si producevano mangime per il bestiame (dalla polpa), commercializzato in Val Padana, e combustibile (dal nocciolo). Nella primavera del 1944, in coincidenza dell’approssimarsi del fronte militare nel territorio pesarese, le attività vengono sospese e riprese a fine anno quando Alberto decise di dedicarsi anche alla vendite di prodotti alimentari. Tra il 1948 (in seguito alla scomparsa del CIP, comitato italiano petroli, che deteneva il monopolio della distribuzione dei carburanti lungo il territorio nazionale) e il 1956, Alberto e Dario organizzarono una rete di oltre 200 impianti per la distribuzione di carburanti da Rimini a Margherita di Savoia (Puglia). Successivamente, presa la decisione di vendere questi punti di distribuzione alla IP, Alberto decise, grazie ad un prestito bancario di 50 milioni, di affrancarsi dall’azienda di famiglia avviando una propria azienda finalizzata all’attività di trasporto, stoccaggio, lavorazione e commercializzazione di prodotti petroliferi. Nel 1962 realizzò l’impianto costiero di Pesaro che copre attualmente un’area di 75 mila metri ed è in grado di consentire lo stoccaggio di oltre 130 mila metri cubi di prodotto. A partire dal 1975 avviò alcune attività in Canada, diversificando in molti ambiti industriali. Nel 1992 la Fox Petroli acquistò a Vasto un impianto di raffinazione di oli vegetali che venne trasformato in un impianto per la realizzazione di biodisel.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi