Di Michele Marisi: "Piano neve, a Vasto gestione fallimentare" - La polemica - Da destra duro attacco alla gestione dell’emergenza
 
 
 

Vasto   Politica 12/01

Di Michele Marisi: "Piano neve,
a Vasto gestione fallimentare"

La polemica - Da destra duro attacco alla gestione dell’emergenza

Vasto, tetti imbiancati dopo una delle nevicate dei giorni scorsi"Fallimentare". Così Marco di Michele Marisi bolla negativamente il modo in cui il Comune di Vasto ha gestito l'emergenza neve degli ultimi 7 giorni. 

Secondo il responsabile di Giovani in Movimento, "i continui bollettini trionfalistici diramati dalla residenza municipale in questi giorni di neve, non sono bastati e non bastano a far dimenticare una gestione fallimentare di un piano neve che era stato annunciato in pompa magna come se dovesse essere il migliore d'Italia, con 32 mezzi specializzati, 1.300 quintali di sale e 56 uomini tra dipendenti comunali, volontari della Protezione Civile, addetti spalatori della Pulchra S.p.A. e dipendenti della ditta esterna".

"In queste occasioni si vede la capacità di un amministratore di gestire una macchina organizzativa che deve correre e che nello stesso tempo ha bisogno di essere efficiente", polemizza il referente dell'associazione dei giovani di centrodestra, "ma è evidente e sotto gli occhi di tutti che la gestione del piano neve è sicuramente da bocciare, avendo, l'organizzazione, rincorso le emergenze, neppure tutte, senza aver lavorato dapprima perché queste non accadessero, con una programmazione precisa della pulizia delle strade e dei marciapiedi che avrebbe evitato non solo grandi situazioni di disagio e di impedimento, ma una spesa ed un lavoro non indifferenti per chi ha dovuto operare nella consegna dei medicinali, ad esempio, nell'accompagnamento dei malati, persino nella distribuzione dei viveri che personalmente mi ha visto impegnato in favore di alcuni anziani del centro storico", racconta di Michele Marisi, che attacca: "Non è così che nel 2016 si risponde a condizioni metereologiche ampiamente annunciate, peraltro con quel po' po' di mezzi e uomini a disposizione; non è così che una città deve ridursi per qualche centimetro di bianco. Inutile ripetere il ritornello per il quale Vasto non sarebbe abituata alla neve: quando si ha a disposizione tutto per fronteggiare un'emergenza, l'unica scusante, che però il sindaco Menna e la sua Giunta non hanno il coraggio di pronunciare - sostiene il portavoce di Gim - è l'incapacità di programmare, organizzare e seguire da vicino ogni intervento perché la vita dei cittadini non sia condizionata dal meteo sfavorevole".

Di Michele Marisi esclude dalle critiche "dipendenti comunali, volontari della Protezione civile, addetti spalatori della Pulchra e dipendenti della ditta esterna che hanno lavorato, ma la cui fatica è stata evidentemente vanificata da una cattiva organizzazione della macchina comunale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi