Aumenti e rifiuti da lontano, sindaci pronti a occupare Civeta - I comuni fondatori: ’Si restituisca la governance al territorio’
 
 
 

30/11 30/11

I comuni fondatori: ’Si restituisca la governance al territorio’

Aumenti e rifiuti da lontano,
sindaci pronti a occupare Civeta

Budano, Magnacca, Marcovecchio e Di GiacomoLa festa del giorno dell'inaugurazione della terza vasca del Civeta è lontana [LEGGI]; a settembre si stappò anche lo spumante, oggi l'aria che tira è ben diversa. I sindaci dei comuni fondatori del consorzio intercomunale che gestisce i rifiuti nel Vastese sono pronti a occupare l'impianto se presto non sarà ripristinata la rappresentanza degli organi consortili. I primi cittadini sono sul piede di guerra per una serie di questioni, prima fra tutte il nuovo aumento delle tariffe che rischia di essere una bella "legnata" per cittadini e bilanci comunali.

LA "LEGNATA" INGIUSTIFICATA - Ad annunciare l'insostenibilità della situazione è stata Tiziana Magnacca che stamattina insieme a Mimmo Budano (Villalfonsina), Manuele Marcovecchio (Cupello), Saverio Di Giacomo (Monteodorisio) e Filippo Marinucci (Casalbordino) ha elencato le criticità del consorzio. Su tutte c'è il mancato coinvolgimento dei proprietari del Civeta, cioè i sindaci fondatori (oltre a quelli elencati, ci sono anche Vasto, Scerni e Pollutri). 
L'ultimo provvedimento del commissario Franco Gerardini è l'aumento delle tariffe, "Siamo molto preoccupati, gli aumenti non sono più tollerabili. A San Salvo l'anno scorso c'è stato un mancato gettito di 600mila euro, segno che le famiglie sono in difficoltà. Il rischio è che il mancato incasso raddoppi e sarà un cane che si morde la coda: se entreranno meno soldi, il Comune avrà difficoltà a pagare lo stesso Civeta".
Parla di "20-25% di aumento ingiustificato" Budano: "La Regione deve fare chiarezza. D'Alfonso aveva promesso di ristabilire gli organi consortili e così non è stato. Noi sindaci non sappiamo neanche chi porta i rifiuti qui".
Manuele MarcovecchioSono peggiori le stime del primo cittadino cupellese: "Gli aumenti su Cupello sono del 25-30%. È una legnata che arriva sui bilanci comunali. È difficile far quadrare i conti così. Chiediamo per questo la restituzione della governance e degli organi di gestione e controllo ai sindaci che sono proprietari del consorzio. Attendiamo risposte dalla Regione, ma siamo pronti a manifestare dentro il Civeta che in fondo è già casa nostra".

RIFIUTI DA LONTANO - All'orizzonte però pare ci sia anche una collaborazione/fusione non meglio specificata con la Ecolan di Lanciano. "Ci sono delibere che lo lasciano intendere – ha detto la Magnacca – La Ecolan viene già qui a conferire e non ne sappiamo nulla. Quanti più rifiuti si conferiscono, tanto meno durerà la terza vasca".
Lo stesso allarme lo lancia anche Di Giacomo: "Siamo tagliati fuori da ogni discussione, non abbiamo garanzie sulla provenienza dei rifiuti. Oggi il Civeta riceve rifiuti da un territorio molto più ampio di quello previsto con la fondazione. È ovvio che per il gestore (la Cupello Ambiente, nda) prima si riempie la vasca e meglio è, ma di questo passo possiamo trovarci di tutto". 
Quello dell'estensione del raggio d'azione del Civeta non è una novità, anzi. Il presidente della Regione Luciano D'Alfonso aveva salutato positivamente l'apertura della terza vasca e l'apertura al territorio regionale aggiungendo: "Sono certo che non ci saranno napoletanate, questo è un sistema che funzione".

Filippo MarinucciGRANA PERSONALE - Terzo punto critico è quello del personale. Con il subentro della Cupello Ambiente il personale del Civeta sarebbe dovuto passare alla società di Rocco Bonassisa e della Riccoboni spa. I dipendenti dell'ente, però, non vedrebbero di buon occhio il passaggio temendo una perdita di garanzie. Nel frattempo i gestori dell'impianto ne hanno dovuto assumere altri per portare avanti le vasche facendo lievitare i costi del personale.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti



 

 
 
 
 
 
 
 
 

Segui lo sport

  • 04/12 - 15:24 Pineto - Chieti 4-2


  • 04/12 - 15:24 Romagna Centro - Fermana 0-2


  • 04/12 - 15:24 Sammaurese - San Marino 0-0


  • 04/12 - 15:24 Vis Pesaro - Matelica 1-1


  • 04/12 - 15:23 Castelfidardo - San Nicolò Teramo 1-2


  • 04/12 - 15:23 Campobasso - Monticelli 0-0


  • 04/12 - 15:23 Jesina - Civitanovese 3-2


  • 04/12 - 15:23 Olympia Agnonese - Recanatese 2-2



 

Chiudi
Chiudi