Spiaggiamento di massa, "ricerche petrolifere una possibile causa" - Intervista a Vincenzo Olivieri, presidente del Centro Studi Cetacei
 
Vasto   Cronaca 12/09/2014

Spiaggiamento di massa, "ricerche
petrolifere una possibile causa"

Intervista a Vincenzo Olivieri, presidente del Centro Studi Cetacei

Olvieri si confronta con la il personale della Fondazione CetaceaNel corso della mattinata diverse equipe di esperti hanno raggiunto la spiaggia di Punta Penna per lavorare al salvataggio dei capodogli arenati. Da Pescara è arrivato Vincenzo Olivieri, presidente del Centro Studi Cetacei, che ha guidato con i medici del servizio veterinario della Asl e la Guardia Costiere le operazioni cui hanno partecipato anche decine di volontari. E' lui, ai nostri microfoni, ad indicare alcune possibili cause sullo spiaggiamento di massa. 

A Vasto è arrivato anche il personale della Fondazione Cetacea onlus di Rimini. "La nostra area di competenza è di Emilia Romagna e Marche - spiega la biologa Valeria Angelini -ma visto che siamo in collaborazione con il Centro Studi abbiamo pensato di venire qui per metterci a disposizione". La dottoressa Angelini ricorda un analogo episodio nel 2009, in Puglia. Anche in quel caso i cetacei viaggiavano in gruppo. "I capodogli hanno un'organizzazione complessa. I giovani viaggiano insieme e seguono il capobranco. Ma prima di poter dire cosa è successo sarà necessario fare le analisi necroscopiche. 

Questi animali sono abbastanza frequenti nel basso Adriatico, seguono le correnti e il cibo. Nei giorni scorsi un branco era stato segnalato davanti a Vis, in Croazia. Attraverso Blue World, che monitora gli spostamenti, andrà verificato se si tratta dello stesso branco".

Guarda il video

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi